Notizia Oggi

Stampa Home

Mistero fitto sulle caprette di Boca sparite una dopo l'altra

Articolo pubblicato il 06-01-2018 alle ore 14:11:52
Mistero fitto sulle caprette di Boca sparite una dopo l'altra 2
Mistero fitto sulle caprette di Boca sparite una dopo l'altra 2

Non c’è pace per le caprette di Boca. Durante le feste sono sparite infatti le dieci caprette tibetane, di proprietà del Comune, che “abitavano” la zona erbosa vicino alle scuole elementari. Si tratta degli animali che erano stati immessi dopo che le precedenti caprette erano state sbranate da non meglio precisati animali.

Anche in questo secondo caso, una delle ipotesi è che gli animali siano stati vittima di un predatore. Lo testimonierebbe il ritrovamento di due carcasse con segni di azzannamento, rinvenute da un operaio comunale. Le rimanenti caprette, però, sono scomparse, e nemmeno tutte insieme. Forse sono state trascinate via o divorate dagli stessi animali che hanno attaccato le altre e che lo scorso anno si erano accaniti sulle bestiole. Un piccolo, triste, giallo, dunque, per Boca. Tanto che in paese è stata presa in considerazione anche l’ipotesi che gli sventurati animali siano stati rubati. Nulla è impossibile, come si suol dire, ma occorre precisare che gli animaletti erano piuttosto paurosi: «Tendono a fuggire dall’uomo – spiega l’operaio Umberto Rotti – anche per me, che da anni do loro da mangiare, era piuttosto difficile avvicinarle». Entrare e portarsele via, dunque, per una persona, sarebbe un’impresa non priva di difficoltà. Ad accorgersi di una sparizione progressiva delle caprette è stato Andrea Chiò, pensionato e volontario Aib, che era affezionato agli animali e portava loro da mangiare due volte alla settimana: «Mi sono reso conto che caprette, due alla volta, sparivano – spiega – non sappiamo cosa sia successo: si dice che sia entrato qualche animale e le abbia uccise».

Si tratta, peraltro, del secondo episodio: nella primavera 2016 qualche animale si era introdotto nel recinto e aveva ucciso quasi tutte le caprette, che allora erano una quindicina. Solo una era riuscita a salvarsi. In quel caso, però, le carcasse erano state ritrovate. Non è mai stato scoperto quale fosse l’animale aggressore. Dopo quell’episodio, i recinti erano stati controllati attentamente ed era stato messo un nuovo cancello metallico. Qualche mese dopo, erano state introdotte nove caprette nuove, che si erano unite all’unica superstite. Nelle scorse settimane, purtroppo, il nuovo tragico epilogo. All’accaduto si è interessato anche Pierangelo Puricelli, ultimo sindaco del paese prima del commissariamento. L’ex primo cittadino spera di riuscire a fare luce su quello che definisce un vero e proprio mistero. Quello di Boca con le sue caprette è un rapporto molto lungo e intenso, che risale a più di quindici anni fa. L’amministrazione di allora acquistò e “incaricò” due caprette di ripulire la zona vicino alle scuole, allora piena di erbacce. La coppia non solo svolse egregiamente il compito, ma allargò la famiglia e da allora un gregge ha sempre vissuto in quella zona, opportunamente attrezzata. Spesso le famiglie portavano i bambini a vedere gli animaletti e a dare loro da mangiare.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...