Notizia Oggi

Stampa Home

Morta Marta Schiavi: Serravalle saluta la sua rondine giornalista

Nata in Valsesia nel 1920, si trasferì in Lombardia
Articolo pubblicato il 04-04-2016 alle ore 20:29:52
Morta Marta Schiavi: Serravalle saluta la sua rondine giornalista 2
Marta Schiavi

Era nata a Serravalle nel 1920, Marta Schiavi, decana del giornalismo (iscritta all’ordine dal 1946), morta a Lecco il 17 marzo scorso. «Marta è stata una Rondine molto generosa - scrive in un ricordo Piera Mazzone -. Anche se la vita presto l’aveva portata lontana dalla “sua” Serravalle: aveva sempre mantenuto i contatti. Nel 1942 entrò nella redazione de L’illustrazione del popolo, successivamente collaborò a Il resto del Carlino, La Notte, Grazia, Arianna (un mensile di moda pubblicato da Arnoldo Mondadori che poi interruppe le pubblicazioni), Epoca, Amica, Grazia, Annabella, Fashion. Nel 1946 pubblicò per gli Editori Associati un romanzo, intitolato “Rotative”, sulla storia della Gazzetta del Popolo di Torino».

Sposata a un imprenditore lecchese, Antonio Spreafico (conosciuto in aeroporto mentre entrambi rientravano da una vacanza) per anni continuò a vivere a Milano. «Solo dalla fine degli anni Novanta - prosegue Mazzone - si trasferì definitivamente sulle sponde lariane, abbandonando la professione giornalistica, ma non perdendo la curiosità, la grinta e la vivacità intellettuale che l’avevano caratterizzata. Conservo alcune lettere che mi indirizzò in quegli anni: piacevoli per l’arguzia e la finezza di analisi della realtà che stava cambiando vorticosamente».

Dopo la morte del marito, nel 2007, la sua vita cambiò: «La sua vita si era raggelata in un mondo di ricordi che si andavano rarefacendo - ricorda ancora Mazzone -: l’ascolto della musica le era di conforto». Al Resto del Carlino, Marta Schiavi si occupò di cronaca e di critica cinematografica: «Seguì il primo Festival del cinema di Venezia dopo la guerra - aggiunge Mazzone -. Conobbe Enzo Biagi e Dino Buzzati e molti altri personaggi del mondo della cultura, tra i quali ricordiamo Giò Ponti, De Chirico, Camilla Cederna. Negli anni dal 1950 al 1970 si occupò di moda, e poté avvicinare le grandi firme, da Dior a Coco Chanel, conobbe Giorgio Armani quando faceva ancora il “vetrinista”, Krizia, i Missoni, Gianfranco Ferrè».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...