Notizia Oggi

Stampa Home
Aiuterebbe anche contro la demenza, senza usare farmaci

Mosso, un treno virtuale contro l'Alzheimer

Nella casa di riposo ricreato un vagone che simula un viaggio in treno
Articolo pubblicato il 16-02-2016 alle ore 15:37:33
Mosso, un treno virtuale contro l'Alzheimer 1
Il vagone permette l'illusione di viaggiare, lasciando la mente libera di pensare e ricordare

Il "Treno Terapeutico" arriva a Mosso. Si tratta della riproduzione di un vagone ferroviario, che ricrea la sensazione di un viaggio, che aiuterebbe gli anziani affetti da demenza o Alzheimer senza usare farmaci. 

L'installazione riguarda la casa di riposo "Borsetti Sella Facenda" ed è stata realizzata con il contributo di Nuova Assistenza, società Onlus di Novara. Il vagone è costiituito da quattro sedili in pelle, un portabagagli e un finestrino virtuale, che permette di ricreare viaggi verso mondi conosciuti in passato e, stimolando il flusso dei pensieri, aiutare il cervello a mantenersi in attività. 

"Da parecchi anni la struttura offre un sostegno costante ai malati di Alzheimer e ai loro familiari", spiega la responsabile, Chiara Craviolo, "abbiamo scelto di dedicare un nucleo a chi soffre di questa patologia, con personale infermieristico, una psicologa specializzata e personale di supporto. E' un luogo in cui il giorno e la notte si confondono e i ritmi sono stravolti, ma sempre accompagnati da mani e cuori esperti". 

Da tempo nella casa di riposo si adottano terapie non farmacologiche contro le malattie degenerative del cervello, come la stimolazione cognitiva e la terapia della bambola. 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...