Notizia Oggi

Stampa Home

Nel patto con la Cina c'è anche la firma di Varallo

Articolo pubblicato il 23-09-2017 alle ore 18:51:56
Nel patto con la Cina c'è anche la firma di Varallo 3
La firma del protocollo

Appare anche il nome del sindaco di Varallo Eraldo Botta sul protocollo d’amicizia firmato mercoledì nel palazzo regionale di Aosta. Il documento sancisce l’impegno preso dal comune valsesiano, insieme a Orta e ai valdostani Arnad e Verrès, con la delegazione della città cinese di Kaifeng, giunta in Italia sotto la guida del vicepresidente della Commissione per il turismo dell’Assemblea municipale, Liu Zhen. Dopo il fine settimana trascorso tra la Valsesia e Orta e una due giorni in Val d’Aosta, mercoledì si è dunque siglato un legame politico e commerciale con il paese asiatico. Alla presenza dei presidenti di entrambe le regioni e dei sindaci e rappresentanti politici dei quattro comuni coinvolti, sono state gettate le basi per il futuro: in programma scambi turistici, con le scuole, e commerciali. «Siamo riusciti innanzitutto a concretizzare questa amicizia - sottolinea Botta - cosa non facile visto che in Cina tutto deve avvenite con il placet del governo. E ora si aprono nuovi scenari: starà poi a noi e a loro essere bravi e rendere concreti i progetti».

 

Durante il soggiorno a Varallo, agli ospiti è stato illustrato anche il progetto dei Murales d’autore che ha già abbellito alcune facciate di edifici cittadini con opere uniche nel loro genere. «Durante la cena di gala all’Alberghiero - racconta il sindaco - abbiamo invitato anche Andrea Ravo Mattoni autore del murales che riproduce l’opera più famosa di Tanzio, il Davide con la testa di Golia, in piazza Garibaldi. Un progetto questo che ha conquistato la delegazione cinese: chissà che in futuro non si riesca a riprodurre un Tanzio anche in Cina. Sarebbe un bel biglietto da visita per la Valsesia».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...