Notizia Oggi

Stampa Home

Nonna Corinna compie 100 anni: è la decana di Coggiola

Tanti amici e parenti hanno festeggiato la donna
Articolo pubblicato il 19-07-2017 alle ore 09:17:53
Nonna Corinna compie 100 anni: è la decana di Coggiola 1
Nonna Corinna compie 100 anni: è la decana di Coggiola 1
Ha spento 100 candeline Corinna Catella, la donna più anziana di Coggiola che risede in casa di riposo. Figli, parenti, amici ed anche il sindaco Gianluca Foglia Barbisin si sono stretti pochi giorni fa intorno alla longeva cittadina per festeggiare questo traguardo, raggiunto dopo una vita semplice e piena di soddisfazioni.
Nonna Corinna è nata il 16 luglio 1917 a Coggiola, in frazione Viera Superiore. Dodicesima di tredici figli, oggi è rimasta l’unica in vita tra tutti questi numerosi fratelli e sorelle. Ha lavorato come orditrice al lanificio Fratelli Fila, e ha sempre vissuto nel suo paese di origine, trasferendosi in frazione Rivò dopo il matrimonio con Eldes Varassi Pega da cui sono nati i figli Uber e Gianfranco che vivono anch’essi a Rivò con le loro famiglie. Nonna Corinna ha sempre vissuto in autosufficienza fino a pochi mesi fa, poi ha deciso di andare in casa di riposo: in pratica, è rimasta autonoma a casa sua fino a 99 anni e mezzo, senza bisogno di badanti o donne di servizio, sostenuta dalle attenzioni dai figli ma soprattutto da un’ottima salute e da un carattere invidiabile: sempre solare, positiva, ironica e con tanta voglia di vivere. Ancora pochi giorni fa parlava così: «Direi una bugia se dicessi che sono stufa di vivere, perché io sto tanto bene qui, e non ho nessuna voglia di andarmene di là. Ho dei figli e nipoti magnifici da godermi ancora, non dò fastidio a nessuno, ho una buona salute, sono felice di quello che ho».
E Corinna, grande amante del ballo, ha addirittura approfittato della musica dal vivo dei musicisti di Cellio per fare un accenno di mazurca accompagnata da un amico : «Perché io ho sempre amato ballare e mi diverto ancora tanto quando posso farlo, anche se ora le gambe non vanno come vorrei». Come dire, cento anni e non sentirli.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...