Notizia Oggi

Stampa Home

Ostaggio delle badanti, è salvato dalla cugina valsesiana

Loro negano le violenze
Articolo pubblicato il 27-01-2018 alle ore 07:25:06
Ostaggio delle badanti, è salvato dalla cugina valsesiana 2
Ostaggio delle badanti, è salvato dalla cugina valsesiana

Pensionato ostaggio della badante e dei suoi familiari è salvato dal direttore delle Poste e da una cugina della Valsesia. L'uomo è residente in un centro del Novarese e ha problemi di memoria. Qualche tempo fa aveva preso in casa una badante ucraina, che avrebbe lentamente cominciato a prendere il comando della situazione. Tanto da fare arrivare dall'Ucraina anche la figlia e il nipote, tutti ospiti dell'anziano. Ed erano iniziate le richieste di soldi: l'uomo aveva paura e ritirava i risparmi dalla Posta. Ad allarmarsi per primo era stato proprio il direttore dell'ufficio postale, che aveva contattato una cugina valsesiana del pensionato.

 

Da lì era scattato l'allarme: la cugina ha confemato che l'uomo le aveva confidato di stare male e di dover pagare qualcuno per toglirgli il malocchio. Ma soprattutto la donna si era fatta l'idea che il parente fosse succube di quelle tre persone, le quali lo incalzavano con richieste di denaro e lo tenvano d'occhio anche quando telefonava. Parte quindi la denuncia alle forze dell'ordine, e adesso i tre ucraini sono alla sbarra con l'accusa di estorsione. Loro negano comunque di aver usato violenza nei confronti dell'uomo.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...