Notizia Oggi

Stampa Home

Pesca, immessi 200mila avannotti nel bacino del Sesia

La Società valsesiana pescatori sportivi ormai da diversi anni provvede all’immissione di avannotti del timallide
Articolo pubblicato il 09-10-2017 alle ore 12:34:07
Pesca, immessi 200mila avannotti nel bacino del Sesia 1
Pesca, immessi 200mila avannotti nel bacino del Sesia 1

Maxi ripolamento di pesci nelle acque valsesiane. La Società valsesiana pescatori sportivi ormai da diversi anni provvede all’immissione nell’alto Sesia di avannotti del timallide, interamente ottenuti nelle strutture ittiogeniche di Locarno. «L’esperienza maturata nel tempo ha fatto sì che il 2017 sia stato l’anno in cui si sono registrati i migliori risultati riproduttivi - spiega il presidente del sodalizio Savino Re -: si è ottenuta la maggior quantità di uova in assoluto con le migliori percentuali di fecondazione e schiusa mai registrate. Grazie a questi risultati è stato possibile immettere, finora, ben 200mila avannotti nelle acque in concessione». Per quanto riguarda la pesca al temolo la novità di questa stagione consiste nella possibilità di pescare, fino al 19 novembre, anche in un tratto di Mastallone all’interno della riserva “La Selva”, a titolo sperimentale in seguito dell’immissione di temoli adulti maschi provenienti dall’allevamento della Società valsesiana pescatori sportivi. Un’opportunità che è stata concessa dall’amministrazione provinciale di Vercelli in seguito all’interessamento del consigliere Angelo Dago.

 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...