Notizia Oggi

Stampa Home

Pinacoteca di Varallo torna alle origini in vista della mostra sul Ferrari

Intervento finanziato dal Comune
Articolo pubblicato il 26-12-2017 alle ore 06:49:37
Pinacoteca di Varallo torna alle origini in vista della mostra sul Ferrari 3
L'inaugurazione dei lavori conclusi

Il Palazzo dei Musei di Varallo si è rifatto il look con il restauro delle facciate esterne. Un restauro che ha voluto riportare lo stabile alle sue origini: «Abbiamo dapprima esaminato l’intonaco che riveste il palazzo anche con indagini chimiche - ha spiegato l'architetto Laura Groppallo che si occupata della direzione dei lavori -. Anche il colore definitivo è stato dedotto in base ai lacerti rimasti in alcuni punti permettendoci di mantenere la cromia originale decisa con la Soprintendenza. Inoltre in alcuni punti, precisamente in via Boccioloni, abbiamo deciso di lasciare due lacerti con decori di due colori diversi un finto bugnato sugli spigoli, mentre alcuni motivi geometrici che probabilmente incorniciavano le finestre non sono stati recuperati perché l’operazione avrebbe danneggiato irrimediabilmente l’intonaco. Anche tutti i materiali lapidei sono stati trattati con attenzione».

I davanzali e portoni sono costituiti da pietra di granito di Montorfano che necessitava di essere pulita e stuccata dove necessario e infine protetta senza alterare la sua pellicola superficiale creatasi nel tempo. Per le rigide temperature non sono stati ultimati gli interventi in alcuni punti ma lo si farà appena possibile. Verrà lasciato alla Pinacoteca un libretto riguardante gli interventi di manutenzione per ritardare il più possibile il degrado delle facciate nel futuro.

L’intervento di restauro è stato sponsorizzato interamente dal Comune di Varallo ed è stato portato avanti proprio in vista dell’imminente inaugurazione della mostra dedicata a Gaudenzio Ferrari che si terrà il prossimo 23 marzo.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...