Notizia Oggi

Stampa Home

Pinguini in marcia in un prato di Quarona

Articolo pubblicato il 08-01-2018 alle ore 16:34:53
Pinguini in marcia in un prato di Quarona 3
Pinguini in marcia in un prato di Quarona 3

Uno spettacolo davvero curioso in un prato di Quarona grazie a un artista del posto. Un anno fa aveva creato un vero e proprio zoo, con giraffe, zebre, elefanti, antilopi e giaguari. Quest'anno ha scelto i pinguini per salutare tutti i quaronesi. E’ l'allestimento realizzato da Cesare Cunazza in un prato di corso Rolandi, all’ingresso di Quarona. E ancora una volta l'idea ha avuto successo e ha riscosso il gradimento di bambini e adulti.

Con le sagome in legno che raffigurano i pinguini è comparso anche uno striscione con il disegno di due pinguini, sorridenti e imbacuccati nelle loro sciarpe, a fare gli auguri per il periodo natalizio. «I bambini se lo aspettavano - racconta Cunazza -, non potevo deluderli. E poi il primo che si diverte sono io: amo organizzare queste iniziative, mi dedico sempre volentieri, e sono felice che vengano apprezzate».

Dopo la “savana” (le sagome degli animali sono poi andate a “ripopolare” il parco del Muntisel a Varallo), Cunazza si è dedicato a ricreare la banchisa polare: «Ho realizzato una ventina di pinguini, e tutti diversi fra loro - spiega -. Avrei dovuto concludere con foche e orsi bianchi, ma ho dovuto rinunciare a causa di problemi familiari. Mi spiace di non aver potuto completare, ma l'idea resta sempre valida e realizzabile in futuro».

Intanto, sono numerosi gli apprezzamenti per il lavoro del quaronese: in tanti si fermano ad ammirare e fotografare i pinguini: «La gente ha gradito, mi hanno fermato in molti per complimentarsi. L'obiettivo è dunque stato raggiunto».

I pinguini di Cunazza resteranno ancora nel prato all'ingresso di Quarona. Poi, il loro autore ne deciderà il futuro: richieste ne sono già arrivate, come era accaduto per lo zoo dello scorso anno. D'altronde l’estro e la creatività di Cunazza sono conosciuti a Quarona e in tutta la Valsesia, come testimoniano i tanti lavori artistici, la realizzazione di un presepe sott'acqua, le partecipazioni alla “Corrida olè” di Valduggia con giochi di magia.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...