Notizia Oggi

Stampa Home
Due ore di difesa da parte dell'imprenditore di Romagnano

"Pino" Di Giovanni: non sono un usuraio

La difesa cerca di smontare l'ipotesi di associazione a delinquere
Articolo pubblicato il 24-11-2015 alle ore 08:06:14
"Pino" Di Giovanni: non sono un usuraio 3

Macché usura: se ci sono state richieste di denaro, è solo nei confronti di clienti che non pagavano il dovuto. Anzi, l'azienda ha anche subito il furto dialcuni escavatori. Ieri Giuseppe "Pino" Di Giovanni, l'imprenditore di Romagnano accusato di usura ed estorsione con altri membri della famiglia, ha parlato due ore in sede di udienza preliminare. E ha cercato di smontare uno a uno tutti gli episodi che gli vengono addebitati.

Non solo: ha anche spiegato che altri membri della famiglia non c'entrano nulla e vanno lasciati fuori dalle incriminazioni. Per esempio, il fratello Franco «mi accompagnava, ma solo perché non volevo fare da solo tutti quei chilometri dei miei viaggi di lavoro». E anche gli avvocati si sono dati da fare per smontare l'ipotesi che i Di Giovanni e altri personaggi (14 in tutto) costituissero una vera associazione a delinquere, come invece sostiene il pm Ciro Caramore.

I Di GIiovanni sono stati definiti "banchieri criminali" dall'accusa, che addebita loro numerosi episodi di estorsione e usura emersi nell'ambito dell'operazione "Bloodsucker" del dicembre scorso: un giro di illegalità intorno a 2 milioni e prestiti con interessi che in un caso avrebbeo superato il 500%. Si riprende il 10 dicembre.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...