Notizia Oggi

Stampa Home

Plello, nella cassetta antincendio creata la mini-biblioteca

Articolo pubblicato il 03-12-2017 alle ore 18:46:52
Plello, nella cassetta antincendio creata la mini-biblioteca 3
Plello, nella cassetta antincendio creata la mini-biblioteca 3

Una “succursale” della biblioteca, in una cassetta del sistema anti-incendio caduta in disuso. E' stata inaugurata ieri mattina una “casetta dei libri” a disposizione di tutti coloro che vorranno prendere un volume in prestito senza dover attendere il giorno di apertura della biblioteca della frazione.

A tagliare il nastro della “casetta”, sistemata nella piazzetta del monumento dei Caduti, è stato il frazionista Emilio Tamone, scelto dalle volontarie per la sua fedeltà alla biblioteca: «Credo sia il frequentatore e lettore più assiduo - dice Maria Caterina Ferro, ideatrice del progetto - ogni mese prende in prestito diversi volumi, ci riferisce le sue impressioni, sceglie i successivi da leggere. E lo fa da quando abbiamo riaperto il servizio».

L’idea di creare un nuovo spazio a disposizione dei lettori è nata dalle stesse volontarie che gestiscono la biblioteca della frazione (con Ferro sono Sonia Zanolo, Isabella D’Avola e Serenella Gilardetti): «Abbiamo deciso di portare la biblioteca in piazza per poter invogliare più persone alla lettura, magari portandole anche solo a fermarsi per vedere se c’è qualche volume giudicato interessante».

Lo spazio per i libri in piazza è stato ricavato da una cassa in metallo che originariamente conteneva sistema antincendio, donata da Silvano Sappa e sistemata da Paolo Canfora. A disposizione saranno una quindicina di libri: «Contiamo di cambiarli spesso - anticipa Ferro - per poter offrire sempre generi differenti per incontrare l'interesse di ogni lettore. Sarà inoltre presente un quaderno dove si potranno lasciare opinioni sui volumi letti, avanzare richieste per inserire qualche titolo o semplicemente per fare qualche commento».

Il servizio è gratuito: «Non sarà necessario essere residente a Plello - conclude Ferro -: è un’offerta che rivolgiamo a tutti, e in modo anche discreto tanto che non viene richiesto un nominativo di chi ritira o l'iscrizione alla biblioteca». Con sede al primo piano delle ex scuole della frazione, la biblioteca di Plello è aperta per prestiti e consultazioni ogni ultimo sabato del mese, dalle 15 alle 17, con una dotazione di oltre quattromila volumi.

La “casetta” dei libri di Plello non è la prima che nasce sul territorio valsesiano. A Borgosesia una struttura simile è presente al parco Magni per il “book crossing”: i cittadini possono usufruire di libri messi a disposizione da altre persone, chiunque può prendere in prestito un libro e lasciarne a sua volta un altro. In frazione Ara di Grignasco è nata una biblioteca aperta 24 ore su 24 riutilizzando una vecchia cabina telefonica.

Attualità

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...