Notizia Oggi

Stampa Home

Portula fa un regalo al Papa “di famiglia”

E’ stato il parroco a ritrovare gli antenati del Santo Padre
Articolo pubblicato il 23-06-2016 alle ore 19:23:14
Portula fa un regalo al Papa “di famiglia” 2
I bambini delle scuole

Un albero genealogico da donare al Papa. A Portula questo progetto è stato portato avanti dalla parrocchia di Matrice con la collaborazione della scuola dell'infanzia del capoluogo. Perché Portula? Perché il cognome del Papa è Bergoglio, e uno dei “rami” dei Bergoglio è in frazione Castagnea (anche se la primissima origine è astigiana).

Il parroco don Ugo Franzoi ha effettuato la ricerca sulla storia di papa Francesco (all'anagrafe appunto Jorge Mario Bergoglio) e i piccoli studenti hanno invece collaborato attaccando, con le insegnanti, le foglie e le parti del tronco che rappresentano le origini del santo padre.

«L'idea – spiega il collaboratore parrocchiale Antonio Beldì – è nata dal parroco don Ugo, che ha pensato di fare un regalo al nostro Papa visto che ha anche lontani legami di parentela a Castagnea. Per realizzare questo lavoro ha però chiesto aiuto ai bambini della scuola dell'infanzia che si sono dimostrati molto bravi e disponibili e hanno attaccato con la colla i vari pezzi che compongono l'albero genealogico».

La ricerca ha trovato un primo esponente della famiglia nato prima del 1700: si tratta di Gioanni, di professione agricoltore, che nasce a Robella in provincia di Asti e che sposa nel 1706 Veronica Maria. Da questa parte di tronco nascono tante foglie verdi, che simboleggiano i figli. Il tronco si dirama e traccia la storia di papa Francesco fino ad arrivare ai suoi genitori Mario Bergoglio che parte per l'Argentina a cercare fortuna alla fine degli anni Venti. A Buenos Aires conosce Regina Maria Sivori, anche lei un'emigrata di origini italiane e si sposano dando vita a cinque figli.

Uno di questi è l'ultimo tassello dell'albero genealogico dove c'è scritto: “Jeorge Mario nato il 17 dicembre del 1936, vescovo di Auca nel 1992, arcivescovo di Buenos Aires dal 1998, cardinale nel 2001. Eletto papa il 13 marzo del 2013 assumendo il nome di Francesco”.
«Ora l'albero – conclude Beldì – verrà completato e rifinito. Il prossimo passaggio sarà quello di inviarlo a Roma dal Papa. E' stato bello vedere i bambini attaccare questi tasselli e penso proprio che il santo padre gradirà questo omaggio, che gli verrà inviato a breve».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...