Notizia Oggi

Stampa Home

Prato Sesia, nuova sede per il gruppo sportivo Fulgor

Comodato decennale
Articolo pubblicato il 23-08-2017 alle ore 13:27:55
Prato Sesia, nuova sede per il gruppo sportivo Fulgor 2
L'inaugurazione della sede

Il gruppo sportivo Fulgor di Prato Sesia ha una nuova casa: nei giorni scorsi ìl sodalizio podistico ha inaugurato la sede. Per l’occasione, gli atleti si sono cimentati in una gara sociale. La nuova sede si trova in via De Amicis ed è stata affidata all’associazione dal Comune per dieci anni in comodato d’uso. In precedenza, era usata dall’associazione dei pescatori. I corridori hanno lavorato molto per ristrutturarla, realizzando fra le altre cose un nuovo impianto elettrico, posando il parquet, rifacendo i bagni e la cucina e infine tinteggiando. A breve, una targa all’esterno completerà l’opera. «Ci servirà soprattutto per le riunioni del direttivo – spiega il presidente Renzo Brugo – e ci permetterà inoltre di conservare la documentazione e altro materiale utile».

Il gruppo conta attualmente 51 tesserati Fidal. Gli atleti si ritrovano regolarmente in gruppi di allenamento, attivi soprattutto al lunedì: «Si è formato un bel gruppo per allenarsi – racconta Brugo – di una decina o una quindicina di persone, in cui ognuno può mantenere il suo passo».
Uno degli eventi più noti legati al nome della Fulgor pratese è il “Cross dal panaton”: la gara, come suggerisce il nome, si svolge sotto Natale e al momento è l’unico cross in Piemonte di livello nazionale, al punto da essere citato in importanti pubblicazioni di settore. Nel 2016 la competizione ha compiuto vent’anni. A ogni edizione, raccoglie oltre 300 atleti provenienti da tutta Italia e facenti capo a varie categorie. «Il Cross dal Panaton fa parte della storia della Fulgor – sottolinea il presidente – e ha contribuito a farla nascere».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...