Notizia Oggi

Stampa Home

Prato Sesia, rubano un camion e sfondano la vetrina della tabaccheria

I malviventi erano tre
Articolo pubblicato il 07-03-2016 alle ore 20:19:46
Prato Sesia, rubano un camion e sfondano la vetrina della tabaccheria 3
Prato Sesia, rubano un camion e sfondano la vetrina della tabaccheria 3

Hanno trafugato un camioncino da un’azienda agricola di Ghemme e l’hanno utilizzato come ariete per sfondare la vetrina di una tabaccheria di Prato Sesia. Una volta entrati nel locale hanno portato via due slot machine, un cambiamonete e un’apparecchiatura per il “Gratta e vinci”, per un totale di oltre 3mila euro, oltre agli ingenti danni al negozio. Il colpo è avvenuto alle 3,30 di giovedì a Prato Sesia nella tabaccheria situata in via De Amicis.

Il camioncino è stato rubato intoro alla mezzanotte, poi i malviventi hanno atteso tre ore per colpire a Prato Sesia. Il forte colpo derivato dall’impatto dell’autoveicolo sulla saracinesca del negozio ha svegliato gli inquilini del piano superiore, che si sono affacciati alla finestra. Sono pure riusciti a chiedere ai malviventi, in tre a volto semicoperto. Immediato l’allarme ai carabinieri, ma nel giro di pochi minuti i tre avevano già divelto le macchinette, caricate sul furgone e fuggiti.

«Sono stati velocissimi - dice il titolare Paolo Pascarelli - La pattuglia è arrivata una manciata di secondi dopo che i ladri erano scappati. E’ il primo furto che subiamo in cinque anni: i danni sono ingenti». Pascarelli in questi giorni dorme in negozio, «fino a quando non ci sarà di nuovo la vetrina».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti
  1. Perde la vita dopo lo schianto...

    Perde la vita dopo lo schianto... (letto 1 volte)

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...