Notizia Oggi

Stampa Home

Pratrivero, nonno Piero ha compiuto 102 anni

Continua ad ascoltare la radio, per avere le notizie dal mondo e della sua zona
Articolo pubblicato il 07-07-2017 alle ore 15:09:34
Pratrivero, nonno Pietro ha compiuto 102 anni 3
Piero Dalle Nogare

Ha festeggiato in famiglia i suoi 102 anni Piero Dalle Nogare. E’ il secondo uomo più anziano di Trivero, preceduto di poche settimane dall’ex orologiaio Pietro Lachi. Vive a Pratrivero ed è ancora abbastanza indipendente. Avere vicino i suoi famigliari che gli danno una mano per lui è una garanzia. Da poco ha tagliato il traguardo dei 102 anni e non è mancata la torta. «Abbiamo fatto una piccola festa in famiglia - spiega il figlio Renzo -. Papà sta bene compatibilmente con gli acciacchi dell’età, ma si tiene su». Ha raggiunto un altro traguardo importante. Il nonno triverese ancora adesso ci tiene a mantenersi aggiornato e continua ad ascoltare la radio, per avere le notizie dal mondo e della sua zona. In casa viene aiutato, ma cerca comunque di tenere la propria autonomia.

Le sue radici sono nel Veneto, come diversi triveresi. E’ nato infatti a Conco il 27 giugno del 1915 e all'età di 12 anni si è appunto trasferito in Piemonte con una zia, iniziando a cercare lavoro. A quell'epoca si entrava presto nei reparti in fabbrica e un posto si trovava in fretta e senza problemi. Bisognava guadagnare qualcosa per poter andare avanti e le fabbriche avevano bisogno di manodopera. Iniziò così a lavorare nella ditta Giletti di Ponzone, rendendosi autonomo e vivendo praticamente da solo nonostante la giovane età.

Quando aveva 19 anni, dopo la visita militare, decise di entrare negli alpini. Qualche anno dopo scoppiò la seconda guerra mondiale e Piero Dalle Nogare venne chiamato alle armi, fu spedito in Grecia, Albania e Montenegro. La sua vita subì anche altri grossi drammi legati alla barbarie della guerra, con la deportazione in Germania, dove lavorò il carbone in una miniera e dove subì stenti legati alla fatica e alla fame. Dopo la liberazione da parte dei russi ritornò nel suo paese di origine e poi di nuovo in Piemonte. Qui ci fu una svolta felice: il matrimonio con Mary dal quale nacquero i due figli, Renzo e Roberto.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...