Notizia Oggi

Stampa Home
Dalla Valsessera a Ponzone contro l'associazione "La nuvola"

Pray e Trivero, la protesta dei migranti

Non è mai stato corriposto il "pocket-money", sono intervenuti anche i sindaci
Articolo pubblicato il 03-11-2015 alle ore 16:20:49
Pray e Trivero, la protesta dei migranti  3
La protesta dei migranti a Pray

Migranti in rivolta a Pray e a Trivero. La protesta è iniziata questa mattina: i giovani africani e pakistani che vivono in Valsessera, nella casa all'imbocco della cosiddetta "Coggiolasca", hanno iniziato una manifestazione per rendere di dominio pubblico la loro situazione. La scintilla che ha innescato la protesta è stata la mancata corresponsione del "pocket money", vale a dire i 2,50 euro al giorno a testa previsti in tutti i capitolati di appalto per l'ospitalità dei migranti. E' la somma che dovrebbe servire loro per l'igiene personale e per piccole spese, ma a oggi nemmeno i primi nove africani arrivati a Pray cento giorni fa non hanno ricevuto nulla.

I profughi hanno esposto cartelli per segnalare le cause della loro protesta, poi hanno percorso le strade del paese scortati da agenti della Questura, e da qui si sono diretti verso il basso Triverese. A Ponzone si sono incontrati con un'altra decina di migranti che vivono in frazione Mazzucco: medesima la gestione, identiche le rivendicazioni.

Anche gli amministratori di Trivero e Pray hanno incontrato i profughi a Ponzone, assieme alle forze dell'ordine e ai responsabili della Nuvola. Alla fine la richiesta è stata una sola: essere assognati a un'associazione che non sia la Nuvola. Così i giovani sono stati convinti ad aspettare ancora qualche giorno. Da parte loro, i responsabili dell'associazione Nuvola sostengono di essere in linea con quanto richiesto nel capitolato d'appalto.

Tags: migranti,protesta,pray,trivero

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...