Notizia Oggi

Stampa Home

Pray, migliaia di libri del dottor Zignone in regalo al Comune

Fu medico condotto e ufficiale dell'Esercito
Articolo pubblicato il 10-11-2017 alle ore 12:45:24
Pray, migliaia di libri del dottor Zignone in regalo al Comune 3
L’ex asilo nido di Pray sarà il nuovo polo culturale del paese. Qui verranno trasferiti i libri donati

Un'intera biblioteca donata al Comune di Pray. Si tratta dei libri del dottor Giancarlo Zignone, per tanti anni medico in Valsessera, morto nel mese di maggio. Adesso l’obiettivo dell’amministrazione è trasferire la biblioteca dall’attuale sede nella scuola media all’ex asilo nido, dove potranno trovare posto anche i libri di Zignone: si parla di migliaia di volumi di ogni dimensione. Quello che Pray si appresta ad accogliere è un importante patrimonio culturale. Il dottor Giancarlo Zignone è morto a 90 anni, era stato da sempre medico condotto del paese. Ma anche ufficiale dell’Esercito.

«Proprio qualche settimana prima di morire - ricorda il vice sindaco Gianfranco Mencattini - aveva proposto a noi amministratori di donare la sua biblioteca al Comune. E la nostra proposta era di realizzare poi uno spazio dedicato a questa collezione stupenda di libri monografici su personaggi storici e scienziati». L’idea è di dedicare alla collezione uno spazio nel nuovo polo culturale, come spiega il sindaco Gian Matteo Passuello: «Ringraziamo la famiglia per aver voluto donarci questo importante patrimonio. Con il nuovo anno abbiamo intenzione di spostare la biblioteca nei locai dell’asilo nido che è stato chiuso, qui sarà anche dedicato uno spazio proprio al dottor Zignone».

Passuello ha avuto modo di visionare i libri. «Ci sono volumi da vero appassionato, alcuni davvero introvabili - spiega -. Il dottor Zignone era un ex ufficiale e nella sua collezione si trovano libri anche riguardanti la rivoluzione sovietica, altri che parlano della Guerra Fredda, di certo aveva conservato parecchia documentazione anche relativamente la Prima Guerra Mondiale».

Laureato in Medicina all’Università di Pavia nel 1952, inizialmente Zignone aveva avviato la sua attività medica in ospedale a Casale, per poi trasferirsi alla scuola militare di sanità di Firenze e da lì come sottotenente medico al quinto battaglione artiglieria da montagna di Merano. Una volta congedato è ritornato nella sua terra di origine lavorando come medico a Ponzone e poi dal 1957 a Pray. Era ancora iscritto all’ordine dei medici di Biella con una delle prime tessere, la numero 73. E’ stato medico dal 1957 al 1992 a Pray e nelle frazioni: era la classica figura del dottore che andava direttamente a casa dei pazienti e ne aveva cura. Rimasto vedovo nel 2012 si trasferì dalla cugina Patrizia a Ponzone.

Giancarlo Zignone è stato anche un uomo di cultura, amava leggere. Ultimamente passava le sue giornate tra libri e ascoltava musica jazz che si faceva acquistare dai famigliari su Internet. Giancarlo Zignone a disposizione aveva una immensa biblioteca con centinaia di libri. E la sua idea era di donarli al Comune per permettere a tutti di poter godere di questo ampio patrimonio culturale, per certi versi unico nel suo genere.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...