Notizia Oggi

Stampa Home
Evento

Presepe gigante di Mosso: festività tra falò e antichi mestieri

Si andrà avanti fino all'Epifania
Articolo pubblicato il 23-12-2017 alle ore 07:10:31
Il presepe gigante a Mosso
Il presepe gigante a Mosso

A Mosso, nei giorni festivi  al Presepe Gigante di Marchetto. nel salone dell'antico palazzo comunale  nella piazzetta delle Granaglie  saranno presenti alcuni artigiani che daranno dimostrazioni dal vivo di antichi mestieri. Oggi dalle 14 sarà presentata la rassegna "L'arte delle cose di un tempo" del cestaio Paolo Vernaghi di Trivero, Domenica 24 dicembre dalle 14 va in scena  ''Donne arriva l'arrotino' di   Bruno Cremona direttamente dalla Fabbrica della Ruota (Doc.Bi): affilerà forbici e coltelli con il suo attrezzo itinerante.
Martedi 26 dicembre sarà possibile vedere la tessitura a mano e tornitura del legno con Pierangelo Costa e con l'associazione Piccola Fata di Pettinengo. Sabato 30 dicembre alle  14.00 i prodotti delle castagne ed altro ancora saranno in mostra a cura della Pro Loco di Vaglio Pettinengo.  Il giorno della Befana lo scultore Maurizio Vail della Valle d'Aosta con il mossese Nicola Fornasiero mostreranno l'esecuzione di manufatti artistici in legno scolpito.  Il pomeriggio dell'Epifania sarà inoltre dedicato ai bambini che potranno partecipare ad una caccia al tesoro organizzata da Trekking Biellese 'Caccia agli indizi' nascosti tra le scene del Presepe. Per partecipare bisognerà avere dai 6 ai 13 anni e iscriversi a patire dalle ore 14.30 .Poi arriverà la Befana con dolcetti per i più piccoli e la consueta accoglienza da parte della Pro Loco di Mosso che distribuirà bevande calde e panettone nel cortiletto dell centro residenziale per anziani. Nell'ultimo giorno di apertura del Presepe,domenica  il 7 gennaio sempre nel salone dell'antico palazzo comunale la Pro Loco di Ronco presenterà le bielline e la tornitura della terracotta.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...