Notizia Oggi

Stampa Home

Presepi da tutto il mondo alla comunità missionaria di Curino

Iniziative anche a Postua e Brusnengo
Articolo pubblicato il 04-12-2017 alle ore 11:06:56
Presepi da tutto il mondo alla comunità missionaria di Curino 2
Il santuario di Oropa

Fino a domenica, grazie ai volontari di Curino, il santuario di Oropa ospiterà 300 presepi provenienti da tutto il mondo. Anche quest'anno, dunque, fervono i lavori per allestire le mostre vendite di presepi da tutto il mondo grazie all'impegno della comunità educativa missionaria San Nicolao. «Ringraziamo il rettore del santuario che ci dà anche quest’anno la disponibilità di due stanze sotto i portici vicino alle candele dove metteremo in mostra-vendita i presepi della nostra “collezione”», spiega Ernesto Maggioni. «I presepi provengono in buona parte dai paesi dell’America Latina, Ecuador, Bolivia, Perù e Brasile, dove operano i volontari dell’operazione Mato Grosso, ma ci sono anche presepi da altre parti del mondo che sono frutto della costante ricerca tra gruppi missionari e non. Si possono trovare molte opere “originali e frutto di artigiani locali”. Ci saranno anche Presepi tradizionali italiani con personaggi da 10 fino a 50 centimetri di altezza e un presepe della Cambogia, oltre a composizioni fatte dai volontari della associazione».

La comunità educativa missionaria San Nicolao di Curino allestirà anche la mostra-vendita a Postua partecipando, come fa da oltre 20 vent’anni, alla manifestazione “Postua paese del presepio”. «Quest’anno, come l’anno scorso, esporremo nei locali del polivalente messi a disposizione dal Comune - racconta Maggioni -. Qui saremo da Natale fino all’Epifania nei giorni festivi e prefestivi. E in collaborazione con la Pro loco di Brusnengo rinnoveremo l’esperienza dello scorso anno: la “Via del presepio”. Sono stati messi a disposizione delle famiglie oltre venti presepi particolari, italiani e non, e grazie al contributo del presepista Domenico Barbiero verranno allestiti lungo la via Rovasenda dando la opportunità di una passeggiata e magari di gustare una cioccolata calda».

Lungo il percorso, nella chiesa di Caraceto, si potrà ammirare un presepio importante con “nevicata”, è bello da far vedere ai bambini ma non solo. Infine dopo l’8 dicembre compariranno per le vie di Brusnengo i personaggi del “Presepio di strada” che da quattro anni a questa parte, partendo da punti diversi del paese, raggiungeranno, la notte di Natale, la chiesa parrocchiale. «Ci impegnano molto queste iniziative, ma crediamo nel fatto che possono essere occasione per tenere viva la tradizione del presepio come simbolo del Natale, per creare occasioni di incontro e collaborazione tra le persone e istituzioni, e non meno importante, per noi, modo per raccogliere fondi da destinare al sostegno del lavoro dei volontari dell’operazione Mato Grosso che operano presso le popolazioni più povere in America Latina», conclude Maggioni.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...