Notizia Oggi

Stampa Home
Scoperta un'organizzazione che aveva il fulcro in un funzionario dell'Agenzia delle Entrate

Prestiti usurai a bar e pizzerie, in quattro a giudizio

Anche un 58enne di Briona è finito nei guai
Articolo pubblicato il 31-01-2016 alle ore 07:46:56
Prestiti usurai a bar e pizzerie, in quattro a giudizio 3
Foto d'archivio

C'è anche un 58enne di Briona tra le quattro persone che il tribunale di Novara ha rinviato a giudizio a vario titolo per una lunghissima serie di accuse: tentata concussione, corruzione, rivelazione e utilizzazione dei segreti d’ufficio, usura, e esercizio arbitrario dell’attività di intermediazione finanziaria. Secondo il magistrato che li ha mandati a processo, si tratta di un'organizzazione costruita per sfruttare locali pubblici in difficoltà finanziarie per rifilare loro le slot machine del gruppo o prestare al titolare soldi a tassi di usura. I locali "vittime" erano collocati per lo più nel Novarese.

Tutto partiva da un complice che lavorava all'Agenzia delle Entrate, che aveva in tempo reale la situazione di difficoltà economica dell'esercente. A quel punto poteva scattare la morsa: il funzionario intimoriva le vittime con lo spauracchio di pesanti sanzioni per l'omosso versamento delle tasse, ma veniva proposta una soluzione: installare le slot machine di quella determinata agenzia (veniva spazziata per la Lottomatica, ma in realtà era quella dei complici) spiegando quali erano i vantaggi. Intanto partiva anche un prestito a tassi di usura: i carabinieri hanno scoperto prestiti usurai nei confronti d’una decina di altre persone per importi compresi fra i 2.500 e i 13 mila euro.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...