Notizia Oggi

Stampa Home

Processo Di Giovanni, un ex autista parla di usura, armi e boss

Articolo pubblicato il 14-10-2016 alle ore 06:34:14
Processo Di Giovanni, un ex autista parla di usura, armi e boss 2
Camion sequestrati ai Di Giovanni

Anche un ex autista punta il dito contro il clan Di Giovanni, raccontando davanti al giudice episodi di estorsione, traffici poco chiari e addirittura millantate amicizie con il boss Balduccio di Maggio. A Novara continua il lungo processo a carico del clan che faceva capo alla famiglia residente tra Prato Sesia e Romagnano, con il centro delle proprie attività a Sizzano.

Ieri davanti al pm un uomo ha raccontato di essere andato a lavorare come autista dai Di Giovanni perché non riusciva più a restituire il prestito che gli avevano fatto. E in quanto autista ne avrebbe viste e sentite di tutti i colori: prestiti a usura, imprenditori strangolati dalle richieste di rientro, persone che giravano armate nei locali notturni, e perfino legami (veri o millantati) con un pezzo da novanta della criminalità organizzata come Di Maggio.

Nuovi elementi si aggiungono così al processo denominato "Blood Sucker", dove sono imputati a vario titolo alcuni dei componenti della famiglia Di Giovanni e alcuni loro collaboratori e conoscenti. Le accuse sono di estorsione, usura e riciclaggio, ma tutti però si sono sempre dichiarati innocenti.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...