Notizia Oggi

Stampa Home
Succede a Romagnano

Protesta in mutande contro la poca sicurezza stradale

Protagonista il consigliere comunale Silvio Landolfa
Articolo pubblicato il 12-12-2015 alle ore 08:35:09
La protesta di Landolfa
La protesta di Landolfa

Si mette in mutande per protestare sulla poca sicurezza delle fermate dei bus. Il consigliere comunale di Romagnano, Silvio Landolfa, insieme al segretario cittadino della Lega Nord, Ruggero Sala, hanno posato in un set fotografico davanti a tre stop dei bus per “sensibilizzare” l’amministrazione comunale sulla necessità di mettere in sicurezza le fermate. La protesta non è passata di certo inosservata, così come il look. «Un anno fa - dice Landolfa - avevamo presentato una mozione sulla necessità di mettere in sicurezza le fermate di via XX Luglio, di via alla Mauletta e via Mazzini. Avevamo chiesto anche di posare delle pensiline per rendere più confortevole la sosta dei passeggeri. La mozione è stata approvata, quindi condivisa da tutti, ma ad oggi non è ancora stato fatto nulla in questo senso. Non solo: in via Mazzini e in via XX Luglio hanno rifatto le strisce pedonali, ma sempre davanti alla fermata dei bus, nello stesso posto di prima. Il codice della strada prevede che gli attraversamenti pedonali siano dietro agli stop degli autobus, proprio perchè gli automezzi riducono la visibilità dei pedoni. Per quanto riguarda la fermata di via XX Luglio, gli automezzi dei vigili del fuoco, quando escono dalla caserma e svoltano a destra vanno ad invadere sia le strisce pedonali che la fermata dei bus. In via della Mauletta poi non c’è nemmeno la palina segnaletica della fermata autobus». L'amministrazione risponde che sono lavori in programma e prioritari.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...