Notizia Oggi

Stampa Home
Bruno Venara preoccupato per un invaso che ormai ha 60 anni

"Quale sicurezza per la diga sul Sessera?"

Articolo pubblicato il 03-11-2015 alle ore 14:47:18
"Quale sicurezza per la diga sul Sessera?" 2
"Quale sicurezza per la diga sul Sessera?" 2

«Quali sono le garanzie che la diga attuale può dare agli abitanti? Una intera vallata si trova sotto l'invaso del Sessera costruito più di sessant'anni fa, stiamo parlando di quasi 10mila persone. Servirebbe informare la popolazione sulle modalità di sicurezza attive e soprattutto capire se sono stati fatti lavori di manutenzione e messa in sicurezza dell'area. Vivo in località Guardella dal 1972 e sono una delle tante persone che si trova sotto la diga. Nel 2002 l'acqua mi arrivò in casa. E anche l'anno scorso ho avuto paura. Era il 12 novembre 2014 e arrivarono carabinieri e vigili del fuoco dicendomi di evacuare, io e la mia famiglia lasciammo tutto all'improvviso non sapendo bene neppure il motivo. L'acqua del Sessera si era alzata, ma il pericolo non era ancora reale. Quello che vorrei sapere è se ci sono degli allarmi e soprattutto come viene affrontata l'emergenza in caso di piena. Sono interrogativi che mi sono sorti soprattutto dopo l'emergenza dell'anno scorso. Ho provato a chiedere, ma nessuno mi ha saputo dare risposte certe. Cosa capita dunque quando piove tanto e la diga si riempie? Viene aperta come qualcuno ipotizza, oppure ci sono deflussi controllati? Insomma anche le persone che vivono sotto questo ammasso di cemento dovrebbero avere le giuste informazioni. Adesso per di più ne vogliono fare una ancora più grande con milioni di metri cubi. E la popolazione che se la ritroverà sopra  la testa cosa ne pensa? Qualcuno l'ha chiesto?»
Bruno Venara

Tags: bruno venara sessera diga

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...