Notizia Oggi

Stampa Home

Quarona, i migranti ospitati a Valmaggiore si preparano a fare le valigie

Non si sa dove verranno ospitati
Articolo pubblicato il 28-07-2016 alle ore 20:04:48
Quarona, i migranti ospitati a Valmaggiore si preparano a fare le valigie 3
L'arrivo dei profughi a Valmaggiore

Tempo pochissimi giorni e i profughi oggi ospitati a Valmaggiore lasceranno l’ex casa delle suore. Si sono infatti conclusi i termini per la permanenza degli immigrati a Villa Chiarino, ma una proroga consente alla cooperativa che ne gestisce l’accoglienza (la Anteo) di utilizzare la struttura almeno fino a inizio agosto. I condizionali sono tutti d’obbligo, perchè di comunicazioni ufficiali non ce ne sono. «Nei giorni scorsi ho contattato più volte cooperativa e prefettura, ma nessuno ha saputo darmi indicazioni precise - spiega il sindaco di Quarona Sergio Svizzero -. Del resto il Comune non viene coinvolto nella gestione dei profughi, quindi mi ritrovo anch’io a dover aspettare per sapere qualsiasi cosa».

Quel che è certo è che il 20 luglio il contratto d’affitto scadeva; in un primo tempo era stato fissato per ottobre il termine per la permanenza dei profughi, poi però la congregazione della Sacra Famiglia, proprietaria dell’immobile, ha sottoscritto con un privato un preliminare di vendita. E tra le clausole per arrivare all’atto notarile c’era che la casa doveva essere libera dal 20 luglio. Concessa una proroga all’1 agosto, ci sono una decina di giorni per definire la destinazione dei migranti. A Villa Chiarino sono arrivati a viverci anche in 39, ma si tratta di un numero che, tra trasferimenti e nuovi arrivi, non è mai definitivo.

Ovviamente non si sa dove verranno spostati gli immigrati, che provengono da diverse zone dell’Africa oltre che dal Pakistan. Inizialmente sembrava che dovessero rimanere sul territorio comunale, poi le possibilità si aprivano a tutta la Valsesia. «Sinceramente non mi viene in mente un altro posto a Quarona in cui potrebbero venir ospitati - prosegue il primo cittadino -; non abbiamo vecchi ospedali e nemmeno alberghi dismessi che potrebbero servire allo scopo. Quel che è certo è che se dovessero restare sul territorio comunale diventa necessario organizzare iniziative significative che coinvolgano questi ragazzi come accade in altri centri. In questi mesi, quando ho chiesto se sarebbe stato attivato qualche progetto, anche in collaborazione con il Comune, mi è sempre stato risposto di no, perchè la loro permanenza a Valmaggiore era temporanea. Credo che nei prossimi giorni potremo sapere qualcosa in più».

Attualità

Cronaca

Politica

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...