Notizia Oggi

Stampa Home
La 26enne ha vinto il concorso "Cinemazione" con "Come una goccia d'acqua"

Quarona, il più bel cortometraggio è di Annalisa Carru

"Fin da piccola ho sempre recitato, poi quel laboratorio teatrale al liceo..."
Articolo pubblicato il 19-01-2016 alle ore 15:41:59
Quarona, il più bel cortometraggio è di Annalisa Carru 2
Quarona, il più bel cortometraggio è di Annalisa Carru 2

La Valsesia scopre un'altra perla nel mondo dell'arte. Annalisa Carru, quaronese di 26 anni, con "Come una goccia d'acqua" ha vinto il primo premio assoluto del concorso "Cinemazione", festival giovanile di cortometraggi. 

La giovane è autrice, regista e interprete del corto, che racconta la storia di una "tagliatrice di teste", alla ricerca del riscatto di una vita vissuta in solitudine. "La protagonista", racconta Annalisa, "è convinta di essere forte, ma si trascina nell'incapacità di creare qualsiasi rapporto. Si renderà conto della sua situazione dopo l'incontro con un ragazzo malato, conosciuto in ospedale: la sua è una vita sprecata, in attesa del riscatto finale". 

Annalisa studia beni culturali all'Università Statale di Milano, ma fin da piccola ha sentito il richiamo del palcoscenico: "Ho sempre avuto la passione di recitare", confessa, "la svolta è stata in quarta liceo, quando ho deciso di partecipare al laboratorio teatrale per vincere la mia timidezza e invece si è rivelata la mia strada, e spero possa diventare un'attività permanente".

Dopo la "summer school" della scuola di teatro "Grassi" di Milano è arrivata la partecipazione ad "Edipo Re" del giovane regista valsesiano Lorenzo Debernardi, premiato a Torino, e, recentemente, la collaborazione in due produzioni teatrali del quaronese Joyce Conte. Ora Annalisa conduce un laboratorio teatrale per bambini e sta preparando la riduzione teatrale de "Il club delle prime mogli", che sarà presentato prossimamente a Quarona. 

 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...