Notizia Oggi

Stampa Home

Quarona, da Villa Rolandi aiuti per l'acquisto di farmaci

Bocchetta: «L’obiettivo della nostra associazione è cercare di portare un po’ di aiuto ai quaronesi e, quando è possibile ampliare il raggio d’azione, ai valsesiani in generale»
Articolo pubblicato il 01-03-2017 alle ore 13:40:38
Direttivo di Villa Rolandi
Direttivo di Villa Rolandi

Il direttivo di Villa Rolandi ha deciso di stanziare nei giorni scorsi seimila euro per i bisognosi. 

Il primo progetto di mille euro è dedicato ai malati oncologici e cardiopatici. I soldi serviranno all’acquisto di farmaci di “fascia C”, che sono quelli a carico del contribuente perchè non concessi dal servizio sanitario nazionale. «Tramite “Viaggio sereno”, l’attività di trasporto dei malati che viene svolta dai volontari, veniamo a conoscenza di molte situazioni difficili - commenta il segretario del sodalizio Mario Bocchetta -. C’è chi, oltre che con la malattia, deve fare i conti con una situazione economica difficile. I farmaci sono indispensabili, ma a volte diventa complicato riuscire ad acquistarli. Partendo da qui abbiamo deciso di devolvere mille euro ai malati che ne hanno bisogno: le fasce deboli saranno individuate dai servizi sociali grazie a una convenzione che abbiamo sottoscritto con il Comune». 

L’associazione quaronese ha deciso di rifinanziare anche il progetto “Dare avere” con altri cinquemila euro: il denaro viene dato a persone bisognose che in cambio svolgono lavoretti e commissioni per anziani e malati che non possono provvedervi da soli. «Anche in questo caso è tutto in mano ai servizi sociali - prosegue il segretario -. Per rispetto della privacy, trattandosi di un argomento delicato, non vogliamo nemmeno conoscere i nomi delle persone che vengono aiutate. Il fatto che tutta la cifra stanziata sia stata utilizzata significa che il progetto ha funzionato e basta questo a farci piacere. Del resto l’obiettivo della nostra associazione è questo: cercare di portare un po’ di aiuto ai quaronesi e, quando è possibile ampliare il raggio d’azione, ai valsesiani in generale».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...