Notizia Oggi

Stampa Home
Primo incontro giovedì

Quattro chiacchiere in biblioteca a Gattinara

Articolo pubblicato il 15-02-2016 alle ore 14:54:21
Serate culturali a Gattinara
Serate culturali a Gattinara

Cinque serate dal titolo "Quattro chiacchiere in biblioteca"  a Gattinara e si iniza giovedì alle 21 con la presentazione del romanzo “7 stanze di Alberi e d’Acqua” di Paolo Pulcina e Roberta Invernizzi, edito da Effedì editrice. I cinque appuntamenti, che si terranno alla biblioteca civica, rappresentano un modo nuovo di avvicinarsi alla lettura, più stimolante e coinvolgente, un modo anche per stare insieme ed interagire direttamente con gli autori e con gli altri ascoltatori. “7 stanze di Alberi e d’Acqua” è una favola filosofica per ragazzi di tutte le età”, così si può descrivere brevemente il libro di Paolo Pulcina e Roberta Invernizzi, che si presenta come un'opera gentile, un omaggio garbato che mira a insegnare senza indottrinare, a far crescere senza spegnere la curiosità, a rafforzare senza cancellare la bellezza delle nostre umane debolezze.Scritto in soli tre mesi dai due autori, entrambi laureati in filosofia, "7 stanze d'alberi e d'acqua", è ispirato agli insegnamenti che Pulcina tiene da diversi anni presso le scuole elementari e dell’infanzia di Vercelli e che Roberta Invernizzi ha saputo “tradurre” in arte narrativa e sagacia letteraria tali esperienze, costruendo una trama davvero avvincente e semplicissima da leggere. Questa favola filosofica, narra le vicende di due giovani ragazzini annoiati che si incontrano per caso in un supermercato, dopo essersi allontanati da mamma e papà e, nel reparto cellulari, sono di colpo risucchiati in un mondo "altro", un «altrove misterioso» che si snoda lungo sette stanze, dove incontrano straordinari personaggi che raccontano di famiglia, animali e natura, tolleranza, paura, emozioni, lavoro, amicizia e fiducia, meritocrazia e giustizia. Questi personaggi sono, in realtà, i grandi filosofi della storia: Talete, Kant, Nietzsche  Cusano, Pitagora, Pascal, Schopenhauer e molti altri che fanno da guida ai due ragazzi in una esplorazione di nuovi modi di pensare.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...