Notizia Oggi

Stampa Home

Questa sera la Valsesia sale sul palco per dire ''no'' alla violenza sulle donne

Lo scorso anno l’appuntamento venne proposto a Borgosesia ottenendo un ampio riscontro in termini di pubblico
Articolo pubblicato il 25-11-2017 alle ore 15:22:51
 Questa sera la Valsesia sale sul palco per dire ''no'' alla violenza sulle donne 1
Questa sera la Valsesia sale sul palco per dire ''no'' alla violenza sulle donne 1

Questa sera al Civico di Varallo  “Non si può chiamarlo amore” in occasione della giornata contro la violenza sulle donne.  «A volte ci domandiamo cosa possiamo fare per migliorare il mondo in cui viviamo, come liberarlo dalle profonde ingiustizie che, ogni giorno, purtroppo, apprendiamo dai mass media e dai social - spiegano gli organizzatori -. Nessuno di noi, singolarmente è in grado di apportare profondi cambiamenti al vivere sociale, ciò potrà accadere solamente se ci uniamo e, anche attraverso piccoli gesti, dimostriamo attenzione verso i problemi che ci affliggono». Un piccolo, ma importante gesto, sarà, senz’altro, quello di acquistare un biglietto, al costo di 10 euro, per assistere allo spettacolo “Non si può chiamarlo amore” che si terrà sabato con inizio alle 21.

L’intero ricavato della manifestazione sarà destinato al finanziamento di progetti di prevenzione alla violenza che verranno realizzati sul territorio valsesiano. Sarà l’associazione Paviol, percorsi antiviolenza Onlus, in collaborazione con l’amministrazione comunale di Varallo, che patrocina lo spettacolo, a realizzare queste preziose attività di formazione ed educazione nelle scuole. Lo show, lo scorso anno, sempre in occasione della giornata mondiale per l’eliminazione della violenza sulle donne, era stato rappresentato alla Pro loco di Borgosesia e fu un grande successo di pubblico e di critica. Grazie alla partecipazione gratuita di numerosi artisti sarà possibile vivere una serata ricca di emozioni ed anche di sano divertimento. Ci saranno cantanti, danzatori, attori e cabarettisti, tutti uniti, insieme, contro la violenza. Le prevendite, che grazie al prezioso aiuto di alcuni esercizi commerciali valsesiani non prevedono alcuna maggiorazione sul prezzo del biglietto, sono attive a Varallo al Caffè Roma in corso Roma, a Quarona “Al Tabachin” in corso Rolandi 58, a Borgosesia al centro estetico “Viva beauty & Spa” in viale Duca d’Aosta 47, a Prato Sesia alla farmacia Graziano in via Matteotti 7, a Romagnano Sesia al Caffè Cavour in piazza della Libertà 31 ed a Gattinara alla pasticceria Cametti in corso Garibaldi 7.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...