Notizia Oggi

Stampa Home
La storia

Raul, il gigolò di donne e coppie con clienti tra Cusio e Valsesia

L'azienda edile andava male e ha deciso di reinventarsi accompagnatore
Articolo pubblicato il 29-03-2016 alle ore 07:15:14
Raul gigolò
Raul gigolò

A un certo punto della sua vita gli affari non andavano più come prima, la sua ditta edile era in crisi e ha deciso di investire su se stesso inventandosi la professione di gigolò, l’accompagnatore delle donne. E’ la storia di Raul, originario del Nord-Est, ma attivo in tutta Italia. E si è fatto conoscere anche tra Biellese, Vercellese e Novarese con qualche puntata tra Valsesia e lago d’Orta. Il gigolò per l’ex imprenditore è diventata una vera e propria professione. Perchè in fondo ci va preparazione fisica, un bel modo di fare, galanteria.

Fare il gigolò è una professione o un passatempo? E come è nata questa idea?
Sono Raul, 41 anni,  professione accompagnatore per donne o semplicemente gigolò. Questa è una professione a 360°, ormai la svolgo da quasi dieci anni. Questa mia realtà è nata dall'esigenza di cambiare lavoro e totalmente vita. Ho avuto problemi economici con la mia ditta di costruzioni e ho voluto dare una svolta alla mia esistenza, e ho creato la mia figura di gigolò con tutti i servizi personalizzati del caso.
Ricordi ancora il tuo primo incontro?
Certo, lo ricordo perfettamente. Ho avuto il mio primo ingaggio, da una coppia. Ci siamo incontrati in un Hotel al centro di Milano, dove dovevo attenderli entrambi. Si è presentata una donna sulla porta, ho aperto e lei mi ha squadrato un attimo, dopo di che mi ha baciato con passione, mi ha spinto all'interno della camera e mi ha chiesto di spogliarla subito. Ora non vorrei dilungarmi troppo con questo incontro, ma se volete, potete leggere cosa mi capita durante i miei incontri,  all'interno dei miei articoli nel blog www.gigolo-accompagnatore.com .
Qual è stato il tuo appuntamento più curioso?
Bella domanda. Essendo io un uomo curioso di base, ogni qualvolta che ho un appuntamento, la mia curiosità si impenna, sopratutto se è la prima volta che ci si vede. Nulla è mai scontato o programmabile al 100 per cento, quindi ogni incontro diventa curioso.
Una cliente si è mai innamorata di te?
Sì, è successo un paio di volte, almeno detto dalle dirette interessate. Anch'io mi son infatuato di una mia cliente, ma mai innamorato. Sono un uomo diretto e trasparente, quindi, sapevano già fin dall'inizio con chi avevano a che fare, ma sappiamo tutti  che l'amore non è razionale.
Hai avuto contattati con donne della Valsesia e e dintorni?
Certamente, io sono uno dei pochi accompagnatori per donne che ti raggiunge in tutta Italia ed estero. Quindi sono passato anche in quelle zone, sono sempre in movimento. Ricordo di una mia cliente di Novara, molto simpatica e alla mano, quando ci siamo incontrati a casa sua, tutto è successo con un enorme armonia da parte di entrambi, condividere la cena, le battute, gli orgasmi. Ci siamo visti ancora un paio di volte, dopo di che si è fidanzata, ancora oggi ci sentiamo al telefono per raccontarci le ultime.
 Cosa cerca una donna in te? Sono persone sposate, fidanzate, single?
Le donne cercano cento cose in un uomo a pagamento. Chi vuole provare il brivido di concretizzare il suo sogno proibito, chi dopo un lutto, vuole ricominciare ad avere rapporti sessuali con altri uomini, ma siccome non lo faceva più da tempo, vuole riprendere il sesso con un professionista del settore. Chi anche per spezzare la semplice routine e chi tradisce il compagno, perché non soddisfatta sessualmente. Le mie clienti sono sposate, fidanzate e single. C'è una percentuale di pareggio tra le donne impegnate e quelle libere e tutte hanno la loro personale motivazione nel momento in cui si confidano con me.
Quando pensi sarà il tuo ultimo incontro? E cosa farai dopo?
Spero il più tardi possibile. Ovviamente sto lavorando ad altri progetti nella mia vita, totalmente diversi al fattore gigolo, sono un uomo molto impegnato. Se avete l'immaginario del tipo che si alza tardi al mattino, scrive due cazzate sul sito e si lancia in un incontro a letto ogni tanto, bè, questo non sono io.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti
  1. Perde la vita dopo lo schianto...

    Perde la vita dopo lo schianto... (letto 1 volte)

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...