Notizia Oggi

Stampa Home
Il caso

Ricatti a luci rosse e il video hard va su Internet

Una donna diceva di essere residente in Valsessera, ma era una truffatrice
Articolo pubblicato il 13-09-2016 alle ore 07:13:34
Foto di repertorio
Foto di repertorio

Sono sempre più numerosi i casi di ricatti a luci rosse su Internet nel Biellese, ma non solo. «Dammi i soldi, altrimenti metto tutto su Facebook», è la frase con cui due biellesi sono stati presi nel sacco. Per un 30enne tutto è iniziato con una chat su Facebook, poi la ragazza che diceva essere residente in Valsessera inizia a denudarsi chiedendo all'uomo dall'altro capo del computer di fare lo stesso. E subito dopo ecco il tranello: «Dammi 6mila euro altrimenti il video finisce su Internet». Al rifiuto del 30enne le sue immagini sono davvero finite su Internet, ma è scattata anche la denuncia alla Polizia postale. I due avevano anche alcuni amici in comune ed è per questo che l'uomo ha accettato l'amicizia. Le indagini sono avviate. 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti
  1. Perde la vita dopo lo schianto...

    Perde la vita dopo lo schianto... (letto 1 volte)

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...