Notizia Oggi

Stampa Home
Processo

Richieste condanne fino a 11 anni per usura ed estorsione

Giunge alle battute finali un filone dell'inchiesta "Bloodsucker"
Articolo pubblicato il 02-05-2016 alle ore 16:34:11
Foto di repertorio
Foto di repertorio

E' arrivato alle ultime battute il processo Bloodsucker sul giro di usura che aveva come punto di riferimento Giuseppe "Pino" Di Giovanni. La procura ha presentato le richieste di condanna per i cinque imputati che hanno scelto il rito abbreviato.  Undici anni e un mese proprio per Giuseppe "Pino" Di Giovanni identificato come il personaggio chiave con accuse che vanno dall'usura all'estorsione. Sei anni e mezzo per il fratello Francesco Di Giovanni, quattro anni e otto mesi per Massimiliano Alia, collaboratore, e quattro anni per il nipote Giuseppe Di Giovanni e Pietrolina Sergi.
Si torna in tribunale giovedì con la parola che passerà ai difensori, va ricordato che gli imputati hanno sempre rigettato le accuse. Il 25 maggio invece c'è l'udienza in tribunale nei confronti di altre sette persone finite nell'inchiesta che hanno deciso di affrontare il processo ordinario.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...