Notizia Oggi

Stampa Home

Rima, dopo 18 anni chiude il ristorante ''Grillo Brillo''

C'è chi propone una raccolta firme
Articolo pubblicato il 29-09-2016 alle ore 21:29:39
Rima, dopo 18 anni chiude il ristorante ''Grillo Brillo'' 2
Alcuni gatti della colonia felina

Sono trascorsi 18 anni da quando il ristorante "Grillo brillo" ha aperto la sua attività a Rima San Giuseppe. E a novembre la cesserà. Il Comune, proprietario delle mura, non ha rinnovato il contratto. «Abbiamo avuto la disdetta del contratto dal Comune - spiega la titolare -. Non so il motivo e non ho voluto indagare, personalmente sarei andata avanti ancora un paio di anni».


Oltre alla delusione per il mancato rinnovo del contratto di affitto c’è anche un altro problema: la colonia felina che la signora Marisa in tutti questi anni ha curato. «Erano i gatti che venivano seguiti dal vecchio gestore della locanda del Tagliaferro - spiega -. Quando chiuse allora iniziai a trovarmeli vicino al locale in cerca di cibo, in questi anni ho tenuto la colonia felina. Li ho nutriti, curati e seguiti». Tra qualche mese però il ristorante chiuderà e questi mici non avranno più qualcuno che se ne prenda cura.
«A Rima - riprende la donna - nel periodo invernale siamo davvero in pochi. Non so chi possa avere la voglia di seguire la colonia, oltre a curarli bisogna pensare anche a come sfamarli. Avendo il ristorante riuscivo sempre a mettere da parte qualcosa per loro».


Non tutti però sembrano avere a cuore i gatti di Rima. «La colonia felina non piace a tutti - confida -. Forse è anche questa la ragione per cui non mi è stato rinnovato il contratto. Non voglio fare polemiche, spero solo che questi animali possano in qualche modo trovare un posto». La donna si è già interessata anche contattando alcune associazioni animaliste per capire come risolvere la questione.
“Grillo Brillo” nella propria pagina Facebook ha voluto raccontare la propria storia: «Oltre al dispiacere di lasciare un posto che ho tanto amato, e che ho portato avanti con gioia ma pure con tanti sacrifici, c"è quello di dover abbandonare una colonia di gatti di cui mi sono sempre occupata. Questo ha dato fastidio a molti .Non ci sarà più nessuno ad occuparsi di loro».


E le risposte dal mondo della rete non sono di certo mancate, c’è chi ha proposto anche una petizione per chiedere all’amministrazione comunale di tornare sui propri passi e di dare la possibilità a “Grillo Brillo” d poter proseguire con la propria attività occupandosi dei gatti che animano il suo cortile. «Il problema - conclude la donna - non è tanto l’estate in quanto i gatti riescono ad aggiustarsi da soli, quanto l’inverno. E’ un periodo dove di fatto non riescono a trovare cibo visto che in paese rimaniamo in pochi, io stessa mi trasferirò a Rimasco a vivere e non potrà più prendermene cura».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...