Notizia Oggi

Stampa Home

Roasio, se serve il defibrillatore bisogna chiamare l'addetto

Può usarlo solo chi è capace
Articolo pubblicato il 02-09-2016 alle ore 18:14:26
Roasio, se serve il defibrillatore bisogna chiamare l'addetto 2
Foto d'archivio

Se a qualcuno a Roasio dovesse servire il defibrillatore della Polisportiva, le pratiche rischiano di essere un po' lunghe. Innanzitutto bisogna contattare una delle sei persone autorizzate alla consegna; dopo di che l'addetto dovrebbe correre nella sede della Polisportiva a Sant'Eusebio, prendere l'apparecchio, portarlo dove serve e attivarsi per il soccorso. Un procedura che non appare la più rapida possibile, soprattutto considerando che il defibrillatore va usato in caso di crisi cardiache, dove non c'è sicuramente tempo da perdere.

«In effetti - spiega il presidente Franco Micheletti - nostra intenzione in un primo momento era di posizionarlo in una bacheca accessibile a tutti, ma, valutando poi tutta una serie di problematiche sia burocratiche sia logistiche, abbiamo optato per renderci disponibili alla consegna dello stesso in caso di bisogno. Pensiamo così di poter dare un importante contributo in attesa che arrivi il 118: il grande lavoro del personale del 118 a volte non riesce a portare un soccorso immediato e quindi anche il dover arrivare in sede a Sant’Eusebio a prenderlo potrebbe essere comunque più veloce dell'arrivo del personale di soccorso». 

I numeri da chiamare delle persone autorizzate a consegnare il defibrillatore sono questi: Natale al  340.86.76.466, Carolina al 333.65.54.908, Antonella al 338.48.44.976, MariaPia al 338.83.21.695, Luca al  335.71.75.574 e Maria al 347.36.24.448. «Il defibrillatore dovrà essere usato solo in casi di urgenza e sopratutto da chi è abilitato all'uso dello stesso, questo perchè se usato in maniera impropria causa danni sia all'infortunato sia al soccorritore», conclude Micheletti.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti
  1. Perde la vita dopo lo schianto...

    Perde la vita dopo lo schianto... (letto 1 volte)

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...