Notizia Oggi

Stampa Home
Approda in tribunale un episodio accaduto nel 2010

Romagnano: il finto stupro era una prova per il fidanzato

Una donna denuncia un amico per tentata violenza, poi ritratta tutto
Articolo pubblicato il 19-11-2015 alle ore 07:49:22
Romagnano: il finto stupro era una prova per il fidanzato 3
Foto d'archivio

Racconta ai carabinieri di essere stata vittima di un tentativo di violenza sessuale. Il giorno dopo torna in caserma e spiega che era tutta un'invenzione: una prova per vedere se il fidanzato era veramente innamorato di lei. Protagonista dell'episodio una donna di 33 anni di Romagnano. L'episodio risale al 2010, ma solo l'altro giorno è approdata in tribunale: ad accusare la donna di simulazione di reato è stato il presunto violentatore, un amico di cui nel corso della prima denuncia la donna aveva fornito tutte le generalità ai carabinieri.

In pratica, la donna ha raccontato ai carabinieri che l'amico le aveva già abbassato i pantaloni, salvo poi fermarsi perché avrebbe sentito aprirsi il cancello della casa della cugina, dove i due erano rimasti soli. Una storia creata ad arte per verificare la reazione del fidanzato, soprattutto per capire se lui non l'avesse lasciata nonostante questo episodio. Il giorno dopo, appunto, la donna ha confessato che non era vero niente, ma il presunto stupratore non l'ha presa bene nemmeno un po' e l'ha denunciata. Il pubblico ministero ha chiesto una condanna di 9 mesi, mentre il difensore ha chiesto l'assoluzione, visti i problemi psicologici della donna, l'assenza di dolo e il fatto che abbia chiesto subito scusa. Mercoledì la sentenza.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...