Notizia Oggi

Stampa Home

Sabbia vuole dare un futuro all'ex ''Pittu Cupal''

Non c'è solo l'incorporazione con Varallo a tenere banco
Articolo pubblicato il 03-10-2017 alle ore 18:32:35
Sabbia vuole dare un futuro all'ex ''Pittu Cupal'' 2
Sabbia

Non c'è solo l'incorporazione con Varallo a tenere banco a Sabbia. Il paesino della val Mastallone gioca una nuova carta per trovare un futuro all’ex ''Pittu Cupal'', il locale chiuso ormai da mesi, l’unico presente in paese. E' scaduto nei giorni scorsi il termine per la presentazione della domanda di finanziamento della misura “Fondo nazionale per i Comuni montagna: finanziamento di iniziative a sostegno delle attività commerciali”.

 L’amministrazione del sindaco Carlo Stragiotti ha subito colto l’occasione al volo: «Il fondo per i comuni montani è riapparso dopo molti anni ed è finalizzato esclusivamente al sostegno delle attività commerciali. Noi abbiamo presentato domanda, compilando la debita documentazione, con approvazione del progetto da parte della giunta del 19 agosto scorso, con l'intento di rendere più appetibile a potenziali gestori l'ex "Pittu Cupal", sistemandone le finiture interne ed acquistando alcune attrezzature».

E dire che il Comune aveva cercato anche una persona interessata tramite un bando proprio per far decollare l’attività che aveva chiuso solo per gli impegni del precedente gestore. «Avevamo fatto intervenire anche la Rai per pubblicizzare la bellissima struttura che era stata sottoposta a bando pubblico per la ricerca di un nuovo imprenditore, una nuova figura non è stata trovata», spiega rammaricato Stragiotti.

Ora si attende di capire se arriveranno i finanziamenti necessari: «Se la domanda andasse a buon fine avremo molte più possibilità di farcela. Noi ci abbiamo provato. Questo vorrebbe dire un posto di lavoro in più e soprattutto servizi per il nostro paese, ma anche un rilancio turistico del territorio».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...