Notizia Oggi

Stampa Home

Sabbia, la minoranza non fa accordi con la giunta. «Ecco perché»

Dibattito in paese
Articolo pubblicato il 27-10-2016 alle ore 08:22:27
Sabbia, la minoranza non fa accordi con la giunta. «Ecco perché» 2
Una veduta di Sabbia

L'amministrazione comunale di Sabbia aveva offerto anche un assessorato all'opposizione, con l'obiettivo di fare fronte comune. Ma il gruppo di minoranza ha risposto picche: «Nutriamo la convinzione che collaborare per il bene del paese preveda necessariamente condividere progetti volti al raggiungimento di obiettivi importanti per la comunità - spiegano in una lettera -. A due anni dall'insediamento dell'attuale maggioranza, esauriti i progetti avviati dalla precedente amministrazione, rileviamo che alcune iniziative quali l'aumento della aliquota Tasi dall'1 al 1,6 , la chiusura della mulattiera di Erbareti, il latitante controllo e la farsesca conduzione dei lavori del "Progetto 6000 campanili", nonché la conclusione discutibile del contratto di gestione della locanda Pittu Cupal, siano presupposti che non ci consentono di entrare in giunta».

Insomma la gestione condotta finora dall'amministrazione del sindaco Carlo Stragiotti non convince gli oppositori.  E la minoranza aggiunge ancora: «Riteniamo inoltre che la proposta di partecipazione non scaturisca dalla volontà di condividere progetti, ma da una evidente incapacità dell'attuale maggioranza di assolvere le proprie responsabilità... Non nutriamo interesse per occupare poltrone, intendiamo invece esercitare il ruolo affidatoci dagli elettori nell'ambito di un consiglio comunale che regolarmente presenta sedie vuote di consiglieri assenteisti».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...