Notizia Oggi

Stampa Home

Salvato all'alba il tecnico telefonico rimasto bloccato a 1700 metri

Era stato condotto in quota con un elicottero privato
Articolo pubblicato il 06-01-2018 alle ore 13:02:54
Salvato all'alba il tecnico di telefonia rimasto bloccato a 1700 metri 2
Un’immagine della squadra dei soccorritori durante la pausa nel bivacco

Si sono concluse all’alba le operazioni per il recupero del tecnico telefonico che nel pomeriggio di ieri, venerdì 5 gennaio, era rimasto bloccato alla Colmine di Crevoladossola (a 1700 metri di altidudine), nel Comune di Crevoladossola (Vco) dopo aver effettuato un lavoro di manutenzione sui ripetitori telefonici della zona. L’uomo era stato condotto in quota con un elicottero privato, che a causa del peggioramento delle condizioni meteorologiche non lo ha potuto prelevare al termine delle sue mansioni. Intorno alle 17 la società di elicotteri ha contattato la centrale operativa del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (Cnsas Piemonte) comunicando che non era in grado di raggiungere l’uomo.

Immediatamente sono state mobilitate le squadre a terra della delegazione ossolana partite con gli sci e le pelli di foca a causa dell’abbondante innevamento che caratterizza il percorso. I tecnici del Cnsas Piemonte insieme ai tecnici del Soccorso alpino della Guardia di finanza (Sagf) hanno raggiunto il disperso intorno alla mezzanotte dopo oltre 1000 metri di dislivello in condizioni climatiche proibitive tra nebbia, pioviggine e nevischio. L’uomo risultava illeso, benché infreddolito; per l’intera durata dell’operazione era rimasto in contatto telefonico con la centrale operativa che ne aveva monitorato le condizioni di salute e lo aveva aggiornato sulle tempistiche dell’intervento. Gli operatori giunti sul posto avevano con sé un paio di racchette da neve che sono state indossate dall’uomo, in grado di scendere a valle sulle proprie gambe. Dopo una pausa ristoratrice presso un bivacco che sorge lungo il percorso, l’intero gruppo è tornato a Crevoladossola intorno alle 5 di questa mattina.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...