Notizia Oggi

Stampa Home
Saitta commenta i dati Demoskopika

Sanità piemontese, una sanità davvero buona

Valori sopra la media per la soddisfazione ricoveri
Articolo pubblicato il 05-01-2016 alle ore 23:06:57
Sanità piemontese, una sanità davvero buona 3
Immagine di repertorio

Piemonte, una Regione sana anche sotto il profilo sanitario. Ad affermarlo l'Indice di performance sanitaria,  realizzato dall'istituto Demoskopika, che misura l'efficienza e la competitività della sanità delle Regioni.

L’indagine si muove attraverso sette indicatori tra i quali il livello di soddisfazione dei servizi sanitari, la mobilità attiva e passiva, le liste d'attesa e la spesa sanitaria.

Il Piemonte, con 429,6 punti, è preceduto solo da Trentino Alto Adige, Lombardia e Lazio, mentre precede Umbria ed Emilia Romagna.

"Questa classifica – osserva l’assessore alla Sanità piemontese, Antonio Saitta -   dimostra come la sanità piemontese sia qualitativamente una buona sanità”.

In particolare il Piemonte si colloca al terzo posto, con una percentuale ben al di sopra del valore medio (78,3%), sul fronte dei ricoveri dove solo il 34,9% degli italiani si dichiara soddisfatto di assistenza medica, infermieristica, vitto e servizi igienici.

Altro indicatore nel quale il Piemonte compare nella top five è quello delle regioni che registrano quote minori di famiglie soggette a spese catastrofiche. Bene anche nell’indicatore famiglie impoverite che esprime, in termini percentuali, le famiglie residenti che a causa delle spese sanitarie out of pocket (farmaci, case di cura, visite specialistiche, cure odontoiatriche, etc.) sono scese al di sotto della soglia di povertà.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...