Notizia Oggi

Stampa Home

Scambio di denaro tra Piemonte e Paradisi fiscali: indaga l'Uif

14 miliardi di euro movimentati attraverso bonifici sospetti nel 2015
Articolo pubblicato il 11-07-2016 alle ore 13:29:56
Scambio di denaro tra  Piemonte e  Paradisi fiscali 2
Immagine di repertorio

Oltre quattordici miliardi: a tanto ammonta la cifra che, nel 2015, è stata movimentata attraverso bonifici dal Piemonte ai paradisi fiscali. Operazioni sospette sulle quali indaga l’Unità di informazione finanziaria (Uif) della Banca d’Italia anche grazie alla collaborazione di banche, poste, professionisti e intermediatori finanziari ai quali sempre viene richiesto di dare comunicazione all’Uif qualora si trovino di fronte a bonifici o trasferimenti di grande entità verso «Paesi a fiscalità privilegiata o non cooperativi». Un'indicazione che resta valida nonostante il bonifico sia, tra le procedure di trasferimento di denaro , quella meno sospetta poiché gli istituti di credito, per legge, hanno l'obbligo di comunicare a Banca d’Italia qualsiasi trasferimento superiore ai 15 mila euro. 

Nel 2015 tali segnalazioni sono aumentate: tra gennaio e dicembre la Uif ne ha ricevute 5.711 dal Piemonte, il 22,4% in più rispetto al 2014, quando erano state 4.667. A livello provinciale, il maggior numero di operazioni sospette è stato rilevato a Torino (3.109), secondo risulta il Cuneese con 650, seguito da Novara (536) e Alessandria (487). A Vercelli si è passati da 149 a 184, con un incremento nell’ultimo anno del 23,49%.  

In totale, dal Piemonte sono stati trasferiti 8,4 miliardi di euro verso i Paradisi fiscali. Tra questi ci sono le Seichelles, le Bahamas, Panama, ma anche il Principato di Monaco e la Svizzera. Senza contare che, dagli stessi Paesi, sono arrivati in regione quasi 5,8 miliardi di euro. 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Più letti

I più letti

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...