Notizia Oggi

Stampa Home

Sei pecore sbranate sopra Rimella: non si esclude possano essere dei lupi

Non è la prima volta
Articolo pubblicato il 13-09-2017 alle ore 17:33:12
Sei pecore sbranate sopra Rimella: non si esclude possano essere dei lupi 2
Foto d'archivio

Una capra e sei pecore trovate morte a Rimella sbranate da cani o da un lupo. E’ successo a metà agosto nell’alpe Capezzone e adesso si torna a parlare della presenza del lupo in Valsesia. La conferma arriva dall’ordinanza firmata dal sindaco di Rimella con cui ordina al proprietario degli animali di provvedere al sotterramento delle carcasse lontano da edifici e corsi d’acqua. Si legge infatti di attacchi «di canide, sospetto lupo, avvenuti in località Capezzone». A essere uccisi sei animali di specie ovina e un animale di specie caprina identificati con marca auricolare. Per l’allevatore un danno economico importante visto che ogni capra ha un valroe che può arrivare fino a 150 euro.

E non è la prima volta che gli allevatori lanciano l'allarme di attacchi in alta Valsesia. Un anno fa all'alpe Pisse di Riva Valdobbia erano state trovate in totale otto pecore ammazzate. Il sospetto è che si tratti di un lupo visto che le vittime erano state attaccate direttamente al collo, inoltre erano state mangiate le interiore. Gli stessi allevatori avevano escluso che si potesse trattare di cani randagi, troppo “certosino” il lavoro svolto sulle prede, proprio come è nell’istinto del lupo che sembra tornato davvero nei monti della Valsesia.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...