Notizia Oggi

Stampa Home

Serravalle, le ''cacche'' dei cani riempiono il cestino dei rifiuti

E' quello del parcheggio accanto all'inizio del sentiero per Monchezzola
Articolo pubblicato il 06-10-2016 alle ore 10:16:20
Serravalle, le ''cacche'' dei cani riempiono il cestino dei rifiuti 2
Il cestino coi sacchetti pieni di escrementi di cani

A Serravalle, in alcuni angoli del paese, i cestini dell'immondizia traboccano di sacchetti pieni di escrementi di cane. Uno in particolare, notato da diversi passanti: quello sulla circonvallazione, ed era difficile non accorgersi del suo contenuto, dato che era stato riempito all'inverosimile. Il raccoglitore di immondizia in questione si trova nel parcheggio accanto all'inizio del sentiero che conduce a Monchezzola.

Qualcuno ha diligentemente raccolto i bisogni dei proprio amico a quattro zampe in un sacchettino e l'ha riposto nell'apposito contenitore verde. Il problema è che nel corso dei giorni l'immondizia è aumentata sempre più fino a debordare dal cestino. L'immagine sgradevole, unita all'olezzo emanato dalla quantità di escrementi, ha attirato l'attenzione di chi transita nella zona. In paese l'opinione si è divisa tra coloro che si sono chiesti dove riporre i bisogni dei propri animali e chi invece ritiene che sia necessario un ricambio più frequente dei sacchetti dell’immondizia.

La questione è rimbalzata anche su Facebook. Sulla piattaforma virtuale è nato un dibattito acceso che ha coinvolto numerosi utenti. C’è chi ha richiesto un maggior intervento da parte degli operatori ambientali che tengono pulite le aree comunali e chi ha suggerito ai padroni dei cani di portare a casa propria i bisogni dei propri animali. La situazione è rientrata nei giorni scorsi. E' stato infatti sostituito il sacco traboccante di rifiuti non proprio abituali.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...