Notizia Oggi

Stampa Home
Contributi

Servono fondi per salvare le frazioni di Rimella

Progetto di riqualificazione per località Sant'Antonio
Articolo pubblicato il 31-05-2016 alle ore 08:29:17
Uno scorcio di Sant'Antonio
Uno scorcio di Sant'Antonio

Rimella ha già le idee chiare sul progetto di recupero di frazione Sant'Antonio. Il Comune ha lanciato l'idea di raccogliere fondi tramite il bando “Bellezza Governo” con l'invio di mail alla Presidenza del Consiglio per far arrivare i contributi. «Gli interventi si inseriscono in un contesto ambientale unico e incontaminato che va preservato – spiega il sindaco ingegner Riccardo Peco -. Si può procedere al restauro di una casa tipica Walser e della ex scuola, oltre che dell'area attrezzata, permetteranno lo sviluppo di nuove attività turistico-ricettive gestite principalmente dai giovani; non va dimenticata la sistemazione delle vie di accesso incentiverà il recupero dell'intero insediamento da parte dei privati e la nascita di nuove aziende agricole e turistiche».

E aggiunge: «Siamo certi dell'accoglimento della nostra richiesta poiché questi interventi creeranno nuove opportunità di lavoro stabile in un comune montano con forti potenzialità turistiche poco incentivate dalle politiche territoriali; verranno attuati in un contesto paesaggistico unico dove Rimella si distingue come primo insediamento Walser della Valsesia. Il nostro paese è inoltre attraversato dall’itinerario della Grande Traversata delle Alpi GTA e insieme con tutta la Val Mastallone (valle laterale della Valsesia) è certificato dal 2007 con certificazione ambientale UNI EN ISO 14001:2004 rilasciata dall’Istituto di Certificazione della Qualità Certiquality SRL di Milano; Sant'Antonio in particolare è una frazione di accesso al Parco Naturale Alta Valsesia».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...