Notizia Oggi

Stampa Home

Sizzano in lutto per l’ex vigile

Molta la gente al funerale
Articolo pubblicato il 06-09-2017 alle ore 13:40:03
Sizzano in lutto per l’ex vigile 2
Bruno Maggiore

Si è spento a soli 55 anni: la scomparsa di Bruno Maggiore ha lasciato il segno in tanti paesi del Novarese. Negli ultimi anni, l’uomo aveva vissuto a Sizzano, dove in passato aveva ricoperto l’incarico di vigile, ma era molto noto anche a Carpignano. «Bruno è sempre stato una persona corretta, leale, di animo buono – lo ricorda con grande affetto l’amica Elena Pescia – era gentile con tutti e difficilmente litigava: preferiva lasciare correre. Lavorando nel campo delle vendite e avendo avuto il bar, poi, ci sapeva davvero fare con le persone».

Ai suoi amici, Maggiore sapeva offrire un “orecchio” amichevole: «Quando affrontavo un periodo di stress, mi bastava sentirlo per stare meglio – prosegue – era davvero capace di ascoltare e dare consigli. È difficile pensare che non ci sia più». Anche Valentina Rinaldi, figlia di Elena Pescia, ricorda con nostalgia l’amico: «Era una persona sempre solare, sempre disponibile ad aiutare». Reagendo con forza alle difficoltà, ha lavorato (era un venditore) finché è riuscito e ha portato avanti vari progetti.

Purtroppo, Maggiore era l’ultimo rimasto della sua famiglia, ma se è vero che gli amici sono come dei parenti che si scelgono, lui aveva sicuramente trovato una seconda famiglia molto numerosa. «Tutta Carpignano lo conosceva: per il suo spirito, perché era una persona brillante e alla mano, e per avere avuto per dieci anni il bar in centro – spiega l’amico Fabio Bonassi – anche per questo abbiamo tenuto a celebrare il funerale a Carpignano: anche prima di avere il bar, ha sempre avuto la sua compagnia qui, oltre che a Sizzano».

Bonassi parla in rappresentanza del folto gruppo di amici che si è occupato di organizzare le esequie di Maggiore: «C’è stata davvero moltissima gente che ha voluto contribuire: sono venute persone da Sizzano, San Nazzaro Sesia, Ghemme, Arborio, Landiona. Vorremmo ringraziare inoltre l’impresa funebre Montella e l’avvocato Romina Tara, che si è occupata gratuitamente degli adempimenti burocratici del caso». Un’ulteriore dimostrazione dell’affetto che Maggiore è stato capace di guadagnarsi ovunque si sia fermato».

 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...