Notizia Oggi

Stampa Home

Sportivo e alpino, l'addio di Trivero a Silvano Cortese

Articolo pubblicato il 05-12-2017 alle ore 18:13:50
Sportivo e alpino, l'addio di Trivero a Silvano Cortese 2
Sportivo e alpino, l'addio di Trivero a Silvano Cortese 2

Si è spento a soli 63 anni: Trivero piange Silvano Cortese. Da qualche tempo aveva problemi di salute, ma non aveva mai smesso di lottare. E’ mancato all’inizio della scorsa settimana all’ospedale di Biella Ponderano, e il funerale è stato celebrato mercoledì nella chiesa parrocchiale di Matrice: numerose le persone e amici che hanno voluto partecipare alle esequie e dargli l’ultimo saluto. Con la famiglia aveva sempre abitato a Trivero, e aveva lavorato in un’azienda tessile della zona fino alla pensione.

Sin da giovane era iscritto alla sezione alpini di Trivero dove era stato un elemento attivo. «Ci spiace per quanto successo - lo ricorda il capogruppo Giuliano Stella -. Finchè ha potuto ha sempre preso parte alle nostre iniziative. Anche noi abbiamo voluto ricordarlo. Era una persona a cui piaceva stare in gruppo, un elemento valido». E anche le penne nere della sezione di Trivero hanno preso parte al lutto con un proprio manifesto funebre. Silvano Cortese ha sempre amato lo sport, soprattutto la bici. Ma c’è chi lo ricorda anche sui campi di atletica e alle corse podistiche accompagnando la figlia Alessia, tesserata all’epoca per il gruppo Zegna e in evidenza in diverse manifestazioni giovanili. Ma anche quando c’era da divertirsi Silvano Cortese non si tirava indietro: scorrendo l’album dei ricordi su Facebook viene fuori anche una foto ormai d’epoca risalente agli anni ottanta di una corsa in bici a cui aveva partecipato con i vicini di casa del condominio delle rose a Trivero.

Negli ultimi anni ha dovuto iniziare a lottare con la malattia, ma non ha mai mollato. Nel tempo libero si dedicava alle camminate tra i percorsi vicino a casa, verso il santuario della Novareia e quando poteva prendeva la sua bici per qualche giro in zona.

L’uomo lascia la moglie Flora Zuliani, le figlie Stefania con Davide e Alessia con Doriano, oltre ai nipoti Riccardo e Francesco. Tanti i messaggi di cordoglio arrivati alla famiglia da amici.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...