Notizia Oggi

Stampa Home

«Sprar di Trivero servono controlli ''veri'' sugli orari degli operatori»

Articolo pubblicato il 02-11-2017 alle ore 09:10:50
«Sprar di Trivero servono controlli ''veri'' sugli orari degli operatori» 3
Piero Casula

Per Piero Casula, capogruppo di “Progetto per Trivero”, il registro delle attività degli operatori dello Sprar arriva in ritardo: «Benissimo che venga fornito il registro delle presenze degli operatori che lavorano al progetto Sprar – osserva - ma deve essere fornito in anticipo, non dopo due mesi. Se l’obiettivo è avere la possibilità di controllare l’effettivo impiego del personale, non mi serve a nulla una comunicazione della cooperativa che riporta orari e operatori del mese scorso».

Il consigliere torna nuovamente sul tema del progetto comunale di ospitalità dei migranti, e invita la commissione a stringere realmente i controlli sull’attività della cooperativa Maria Cecilia, che ha vinto l’appalto. «Il sindaco e l’assessore continuano a ripetere che con i progetti Sprar ogni euro di spesa è sotto controllo - dice Casula -. Bene, ma questo può essere vero solo se sono controllabili le ore degli operatori, che rappresentano la voce di gran lunga più importante del piano spese. E come possono essere controllabili i servizi degli operatori? Solo se ha davanti un piano di lavoro che indica quando e dove posso trovare l’operatore medesimo. Cioè, devo avere un prospetto a inizio mese o inizio settimana che mi informa dove e quando posso trovare il personale al lavoro. In modo che l’amministrazione abbia la possibilità, se vuole, di recarsi fisicamente in uno degli alloggi e verificare l’effettiva presenza dell’operatore di turno. Altrimenti, se la cooperativa mi presenta oggi il registro delle presenze fatte due mesi fa, che me ne faccio?»

L’accordo di avere il registro delle presenze era stato ratificato qualche settimana fa dalla commissione comunale che si occupa dello Sprar, d’intesa con la cooperativa Maria Cecilia. Un passo in avanti, ma secondo Casula non ha senso se le presenze degli operatori vengono viste solo a consuntivo: «In pratica, a quel punto la commissione può solo prendere atto di quello che gli comunica la cooperativa, che dovrebbe essere l’ente da controllare. Il che significa che si sta sulla fiducia. Esattamente come accade per i centri Cas».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...