Notizia Oggi

Stampa Home
La diffida del Meta

«State abbattendo cinghiali in modo illegale»

Animalisti contro le Province che permettono la caccia, arrivano le "carte bollate"
Articolo pubblicato il 28-01-2016 alle ore 15:40:27
Foto di repertorio
Foto di repertorio

L'associazione animalista Meta diffida il presidente della provincia di Biella, ad abbattere i cinghiali. Lo ha fatto questa mattina recapitando una mail ad Emanuele Ramella Pralungo . «Quegli abbattimenti sono irregolari - tuona Valerio Vassallo, presidente Meta -. A seguito di numerose richieste di intervento nella nostra sede nazionale, da parte di cittadini e associazioni, riguardanti l'abbattimento di animali selvatici sul vostro territorio, vi diffidiamo a procedere ad ogni attività correlata, in quanto tali abbattimenti non rispecchiano le modalità e i tempi previsti dalla legge, ovvero censimenti regolari, parere positivo dell'Ispra e l'attuazione di metodi ecologici alternativi non cruenti». Proprio Vassallo nelle scorse settimane aveva proposto con alcuni attivisti una serie di passeggiate di protesta nella zona tra Gattinara e Masserano proprio per disturbare l'azione dei cacciatori.
«Qualora dovesse essere approvata una legge per sorvolare tali procedure - si legge nel documento firmato dall'associazione Meta - presenteremo esposti e denunce del caso, oltre che organizzar presidi e manifestazioni di protesta presso le private dimore dei responsabili, presso le sedi di amministrazioni e istituzioni ritenute complici, oltre che ovviamente attività di passeggiate tra cacciatori in attività venatoria e scudi umani atti a difendere animali da voi condannati a morte per interessi non sicuramente collettivi».

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...