Notizia Oggi

Stampa Home
Resi i noti ii nomi delle due vittime

Sull'aereo schiantato c'erano due ex militari

Ora servirà una perizia per capire il motivo dell'incidente
Articolo pubblicato il 30-10-2015 alle ore 14:20:15
Un convertiplano (foto repertorio)
Un convertiplano (foto repertorio)

Si chiamavano Pietro Venanzi ed Herbert Moran, i due piloti che stamattina sono morti carbonizzati nei cieli della pianura vercellese. L'Agusta Westland Aw 609 si è schiantato al suolo intorno alle 11 nei pressi di Santhià. In tanti hanno assistito alla scena, con il velivolo sperimentale militare che ha iniziato ad avere problemi già sul centro abitato. Poi il pilota è stato bravo a portarlo lontano dalle case finendo la sua corsa in un campo. Due le vittime, i piloti appunto. Il “convertiplano” era partito dalla base di Vergiate dell'Agusta e stava effettuando un giro di prova. Soltanto le perizie tecniche potranno spiegare la causa della tragedia. Pietro Venanzi, aveva 53 anni ed era ex ufficiale della Marina statunitese, abitava a Sesto Calende in provincia di Varese. Con lui a bordo c'era Herbert Moran, ex pilota della Marina americana originario dell'Oregon ma residente a Varese. Il convertiplano è in grado di decollare in verticale e, dopo la rotazione delle ali e delle eliche di novanta gradi, di volare poi come un aereo.

Tags: incidente aereo santhia` morti

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...