Notizia Oggi

Stampa Home

Svolta a Ghemme: dopo anni di attesa apre la residenza per disabili

Articolo pubblicato il 05-11-2017 alle ore 15:14:19
Svolta a Ghemme: dopo anni di attesa apre la residenza per disabili 3
Svolta a Ghemme: dopo anni di attesa apre la residenza per disabili 3

Stanno per concludersi i lavori per la residenza per disabili di Ghemme. La struttura si trova in via Roma ed è pensata per accogliere dieci persone con disabilità medio-grave.

La cooperativa Anteo di Biella, che gestirà la struttura per 20 anni, sta provvedendo ad arredare i locali, dopo la conclusione degli interventi di muratura e sull’impiantistica.

Come è noto, la vicenda della residenza flessibile è lunga e piena di inconvenienti, che non hanno mancato di sollevare parecchie polemiche in paese. Dopo l’ottenimento del finanziamento regionale, i lavori erano partiti, ma si erano interrotti a causa del fallimento della ditta esecutrice. Il contenzione aperto con il Comune aveva provocato di fatto l’abbandono del cantiere e l’interruzione parziale della circolazione in via Roma. E quando il Comune ha potuto riappropriarsi della struttura, di fatto i soldi per completarla non c’erano più. Inevitabile a quel punto chiedere aiuto ai privati e all’appello ha risposto la cooperativa biellese, che all’inizio di quest’anno ha affidato i lavori di completamento, per un importo complessivo 191mila euro. Una cifra che è servita anche per correggere alcuni errori di progettazione: una delle cinque camere già realizzate, infatti, era troppo piccola per ospitare due letti. Per questo è stato rivisto il progetto, con lo spostamento al primo piano dell’ambulatorio con sala d’attesa e servizi igienici riservati, mentre al piano terra (dove inizialmente era previsto l’ambulatorio) è stato invece realizzato lo spogliatoio riservato al personale maschile con i relativi servizi. La camera più piccola è stata invece allargata e portata alle dimensioni richieste di 21,94 metri quadrati, mentre su richiesta della commissione di vigilanza sono stati adeguati i piatti doccia e al momento delle messa in funzione della struttura dovrà essere messa in sicurezza e sistemata l’area esterna.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...