Notizia Oggi

Stampa Home

Timbrava il cartellino e poi se ne andava al market

Lei nega tutto
Articolo pubblicato il 14-04-2016 alle ore 06:36:00
Timbrava il cartellino e poi se ne andava al market 2
Foto d'archivio

La difesa sostiene che erano tutte uscite fatte nella pausa caffè. Ma ci sono tutti i colleghi che testimoniano ben altre pause: e così una donna di 63, impiegata all'Uepe di Novara, l’ufficio esecuzione penale esterna del Ministero della Giustizia, è finita alla sbarra con l'accusa di truffa ai danni dello Stato. Questo perché, stando alle testimonianze, tra la fine del 2011 e i primi mesi del 2012 quasi ogni mattina timbrava il cartellino e poi se ne usciva a fare la spesa. Con i condomini che pure protestavano perché lasciava il carrello nell'androne. E con i colleghi che una volta avrebbero dovuto anche assistere alla cottura di un pollo allo spiedo (appena acquistato) nel forno a microonde dell'ufficio.

A presentare un esposto contro la donna sono stati gli stessi colleghi. Lei, come detto, nega tutto, sostenendo che si trattava di uscite fatte nella pausa caffè a cui rinunciava.

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...