Notizia Oggi

Stampa Home

Tragedia in Valle d'Aosta, muore una 19enne

Da valutare la situazione del fondo stradale
Articolo pubblicato il 10-01-2018 alle ore 19:53:00
Tragedia in Valle d'Aosta, muore una 19enne 2
Federica Banfi
Una vita spezzata a soli 19 anni per un incidente d'auto. E' stato celebrato l'altro giorno il funerale di Federica Banfi, giovane di Cangrete, nel Milanese, vittima di uno scontro avvenuto nel tratto autostradale di Châtillon, in Valle d'Aosta. Un perito è stato incaricato di scoprire se la tragedia sia effettivamente stata causata dalla presenza di ghiaccio sull'asfalto. Il fascicolo è stato aperto per omicidio colposo e al momento gli inquirenti escludono responsabilità per i conducenti dei due veicoli, il pulmino su cui si trovava la vittima e il pullman che lo ha centrato.
 
E' accaduto che, in seguito allo sbandamento del primo pulmino della colonna, l’autista del secondo ha frenato andando in testacoda proprio mentre sulla corsia di sorpasso sopraggiungeva il pullman del gruppo che non ha potuto evitare l’impatto. Se dovesse emergere che lo scontro è stato causato dalle condizioni del manto stradale, la Procura valuterà le eventuali responsabilità a carico dei vertici della Sav, la società che gestisce l'autostrada A5 tra Quincinetto e Aosta. La giovane era in vacanza a Brusson con il gruppo parrocchiale di Canegrate. 

Attualità

Cronaca

Politica

Economia e Lavoro

Sport

Cultura e Spettacolo

Eventi e Manifestazioni

Sanità e salute

Lettere

Lettere

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita

per non dimenticare Don Cesare Boschin vittima della malavita
Lettera del 14-12-2016

Buongiorno, sono una nipote di Don Cesare Boschin. Mi chiamo Isabella Formica. Lo zio è morto per mano della malavita. Ha difeso sempre i suoi parrocchiani...

ringraziamenti per Hospice di Gattinara

ringraziamenti per Hospice di Gattinara
Lettera del 30-08-2016

Gent. Direttore, il mio papà, Mario Beneduce, è mancato, a causa di un brutto tumore, il giorno 29 agosto scorso. Attraverso il Suo stimato giornale...